Malattia paura del sesso

Le Strisce - Paura Del Sesso

Luomo il sesso iznosiloval

La diagnosi si basa sull'osservazione di segni e sintomi presentati dal paziente e su alcuni esami diagnostici eseguiti per escludere altre possibili cause. Non esiste una cura nota per la SLA. In gran parte del mondo, i tassi epidemiologici di SLA malattia paura del sesso sconosciuti.

La prima descrizione della malattia risale almeno al da parte di Charles Malattia paura del sesso. Le prime descrizioni della malattia risalgono almeno alrelativamente a quelle fatte dal medico Charles Bell. Neli medici della marina statunitense rivelarono che la Malattia paura del sesso aveva una prevalenza malattia paura del sesso maggiore tra gli Chamorro di Guam rispetto che nel resto della popolazione mondiale.

Era la prima volta che l'analisi del linkage riusciva a identificare la causa genetica malattia paura del sesso un raro disturbo neurodegenerativo. Fu poi approvato in Europa nel e in Giappone nel Il termine "amiotrofica" deriva dalla parola greca amyotrophia : a- significa "no", con myo malattia paura del sesso si riferisce a "muscolo", e trophia significa "nutrimento"; "amiotrofica" significa quindi "nessun nutrimento muscolare", descrivendo la caratteristica atrofia del tessuto muscolare in disuso del malato.

La degenerazione in quest'area porta a cicatrici o indurimenti " sclerosi ". Nei paesi del Commonwealth e in Irlandaviene comunemente utilizzato il termine " motor neurone disease " MND che in italiano malattia paura del sesso "malattia del motoneurone".

La sclerosi laterale amiotrofica malattia paura del sesso talvolta chiamata "malattia di Charcot" poiché Jean-Martin Charcot fu il primo a correlare i sintomi clinici con la patologia osservata in sede di autopsia.

Si presenta più frequentemente negli uomini che nelle donne ed è estremamente rara dopo gli 80 anni [23]. Un'alta incidenza è stata riportata in Nuova Guinea Occidentale [24]nella penisola di Kii del Giappone [25] e, in una forma associata a demenza e parkinsonismoanche presso i chamorro dell'isola di Guam [26]. Un'inchiesta, condotta tra il e il dal procuratore torinese Raffaele Guarinielloha accertato 51 casi di SLA su 30 calciatori italiani presi in esame [27].

Uno studio su circa calciatori italiani professionisti malattia paura del sesso serie A e B attivi fra il e il ha identificato 5 casi di SLA, con un rischio pari a 6,5 volte rispetto alla popolazione generale. In tale studio è stato anche osservato che i calciatori sviluppavano la SLA ad un'età media di 43 anni, rispetto a un'età media di circa 65 anni nei casi di SLA non calciatori [28].

Sono stati riportati anche casi di coniugi affetti dalla stessa malattia nel sud della Francia [29] [30] [31] [32] [33]. L'etimologia della definizione sclerosi laterale amiotrofica chiarisce le caratteristiche della malattia: la parola amiotrofico è composta da tre termini greci, che sono a corrispondente alla negazionemio "muscolo"trofico "sviluppo"quindi significa che i muscoli si indeboliscono e si atrofizzano; l'aggettivo laterale si riferisce alla zona del midollo spinale in maniera più precisa, il fenomeno coinvolge i cordoni laterali, che contengono i fasci cortico-discendenti, ossia le vie piramidali formate dalle sinapsi che malattia paura del sesso il primo motoneurone sito nella corteccia malattia paura del sesso il secondo motoneurone, sito nelle corna anteriori del midollo spinale.

Il processo abiotrofico -degenerativo che colpisce sia il primo che il secondo neurone malattia paura del sesso moto coinvolge anche i fasci che permettono un controllo del primo motoneurone sul secondo motoneurone sito nelle corna anteriori del midollo spinale.

Ne deriva un rimaneggiamento di questa area che, dopo la morte neuronale, viene ad essere occupata da una reazione proliferativa dell'astroglia i. La caratteristica che definisce malattia paura del sesso SLA è la morte di entrambi i tipi di motoneuronisuperiori e inferioriche si manifesta nel cervello, nel tronco encefalicoe nel midollo spinale. Prima della morte, i motoneuroni sviluppano inclusioni ricche di proteine nel loro corpo cellulare e negli assoni.

L' eziopatogenesi è sconosciuta, ma verosimilmente si tratta di una malattia ad origine multifattoriale. Attualmente le malattia paura del sesso più accreditate per spiegare la degenerazione neuronale sono due: un danno di tipo malattia paura del sessodovuto ad un eccesso di malattia paura del sessoderivante dalla trasformazione di metioninamalattia paura del sesso un danno di tipo ossidativodovuto ad uno squilibrio tra sostanze ossidanti e sostanze riducenti nel microambiente che circonda i motoneuroni colpiti.

Il 21 settembresi raggiunge un grande risultato nella comprensione dei fattori eziologici: secondo una ricerca coordinata Italia-USA, la causa risulterebbe essere malattia paura del sesso. Anche se non è ancora chiaro come la mutazione del gene SOD1 porti alla degenerazione del motoneurone, i ricercatori hanno ipotizzato che un accumulo di radicali liberi possa risultare da un funzionamento difettoso di questo gene. La ricerca più attuale indica che la morte del motoneurone non è probabilmente un risultato della perdita o della compromissione della attività della dismutasi, suggerendo che la SOD1 mutante induca tossicità in qualche altro modo.

Gli studi con topi transgenici hanno portato ad una serie di teorie circa il ruolo della SOD1 nella sclerosi laterale amiotrofica familiare per il mutante SOD1. I topi completamente privi del gene SOD1 non sviluppano abitualmente SLA, anche se manifestano un'accelerazione dell' atrofia in rapporto all'età del muscolo sarcopenia e una ridotta durata di vita. Inoltre, l'aggregazione di proteine è risultata essere una caratteristica patologica comune sia alla SLA familiare che sporadica. Nei topi con mutante SOD1, aggregati accumuli di proteina mal ripiegata del mutante SOD1 sono stati trovati soltanto in tessuti malati e maggiori quantità sono state rilevate durante la degenerazione del motoneurone.

Altri studi si sono focalizzati sul ruolo del glutammato malattia paura del sesso degenerazione del motoneurone. L' amminoacido noto come acido glutammico è uno dei messaggeri chimici nel cervello, noti col nome di neurotrasmettitori. Sembra che, rispetto alla popolazione sana, i pazienti con SLA abbiano livelli più alti di glutammato nel plasma sanguineo e nel fluido cerebro-spinale o liquido cefalorachidiano.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che i neuroni cominciano a morire progressivamente quando vengono esposti per lunghi periodi a quantità eccessive di glutammato eccitotossicità. Sono allo studio i meccanismi che portano alla eccessiva produzione di glutammato nel sistema nervoso centrale e sul come questo squilibro possa contribuire allo sviluppo della SLA. Una possibile causa potrebbe essere identificata in un difetto della ricaptazione del glutammato da parte delle terminazioni pre-sinaptiche.

Un'altra causa probabile potrebbe essere dovuta a reazioni autoimmuni, in cui anticorpi prodotti dal sistema immunitario del paziente attaccano i motoneuroni del paziente stesso, interferendo e poi bloccando la trasmissione dell' impulso nervoso fra il cervello ed i malattia paura del sesso. Gli scienziati dell'Istituto Mario Negri hanno scoperto che la proteina TDP mostra anomalie nella maggior parte dei pazienti colpiti dalla patologia.

La ricerca, ha quindi stabilito che la probabile causa della malattia, o della sua evoluzione, dipenderebbe da un enzima chiamato PPIA; la mancanza di questo enzima, in un modello di SLA nel topo, accelera la progressione della malattia.

Non solo, una relativa carenza dell'enzima è stata riscontrata in vari modelli cellulari e animali di SLA, nonché nei pazienti con SLA sporadica. Nella ricerca delle cause di SLA, i ricercatori inoltre hanno studiato i fattori ambientali, quale l'esposizione ad agenti tossici o contagiosi. Alcuni malattia paura del sesso scientifici [45] hanno ipotizzato possibili correlazioni fra l'esposizione ad alcuni fitofarmaci e la SLA. Gli studi presenti in letteratura, necessariamente di tipo retrospettivo e spesso malattia paura del sesso su piccoli campioni di popolazione, hanno spesso evidenziato questo tipo di associazione.

Un altro studio di metanalisi ha esaminato i possibili effetti di diverse classi di fitofarmaci, rilevando una possibile correlazione, anche se statisticamente non significativa, tra la SLA e l'esposizione a insetticidi organoclorurati. I sintomi iniziali includono brevi contrazioni miocloniecrampi oppure una certa rigidità dei muscoli. Rigidità che influisce sul funzionamento di un braccio o di una gamba, e voce indistinta o tono nasale.

Questi disturbi generali si sviluppano in forme di debolezza più evidente o atrofiache possono portare il medico a sospettare una forma di SLA. Le parti del corpo interessate dai sintomi iniziali della SLA dipendono da quali muscoli nel corpo vengono danneggiati per primi. In alcuni di questi casi, i sintomi inizialmente si risentono su una delle gambe ed i pazienti ne divengono consapevoli quando camminano o corrono, oppure perché notano che inciampano più spesso.

Altri pazienti con l'esordio all'arto sperimentano gli effetti della malattia su una mano o su un braccio, dato che essi hanno difficoltà ad eseguire compiti semplici che richiedono destrezza manuale, come abbottonare una camicia, scrivere o girare una chiave in una serratura. Questi pazienti all'inizio notano difficoltà nel malattia paura del sesso la parola e le frasi disartriasino ad arrivare alla perdita della comunicazione verbale anartria.

Spesso è presente una facile stancabilità dei muscoli della masticazione, che insieme alla disfagia è spesso responsabile di dimagrimento e malnutrizione per sopravvivere si rende quindi necessario un intervento per impianto PEG. Indipendentemente da quale sia la parte del corpo interessata per prima dalla malattia, la debolezza e l'atrofia muscolare si estendono ad altre parti del corpo con il progredire della malattia.

I pazienti hanno problemi crescenti per spostarsi, per deglutire disfagia e nel parlare o nel formare le parole disartria. Segni del coinvolgimento del primo motoneurone includono il progressivo irrigidimento dei muscoli spasticità e la presenza di riflessi esagerati iperreflessia o di riflessi patologici alluci mutisegno di Hoffmannsegno di Babinski.

Segni di danno del secondo motoneurone sono la presenza di ipo-atrofia dei muscoli da questo innervati, fascicolazioni guizzi muscolari percepibili sotto cutecrampi muscolari, riduzione del tono muscolare e dei riflessi osteotendinei.

Malattia paura del sesso riflesso anomalo, noto in medicina come segno di Babinski che consiste nell'estensione in alto dell'alluce del piede e nello "sventagliamento" all'infuori delle altre dita, quando la pianta del piede viene stimolata, ad esempio malattia paura del sesso con una matita, c'è da aggiungere che tale riflesso è normale nel bimbo che non ha ancora imparato a camminare, diventa anomalo sopra i 16 mesi circa di etàè un altro indicatore di danno al primo motoneurone.

Sintomi della degenerazione del motoneurone inferiore includono debolezza ed atrofia muscolare, crampi muscolari e fugaci strattoni muscolari che si possono vedere sotto la pelle fascicolazione. Per essere diagnosticati come affetti da SLA, i pazienti devono avere malattia paura del sesso e sintomi di danno sia al motoneurone superiore, che a quello inferiore, che non possano essere attribuiti ad altre cause.

Anche se la sequenza di comparsa dei sintomi emergenti e la velocità di progressione della malattia variano da persona a persona, quasi sempre, alla fine, i pazienti non saranno in grado di stare in piedi o di camminare, salire o scendere dal letto da soli, utilizzare le mani e le braccia.

Le difficoltà a inghiottire e masticare danneggiano la capacità del paziente di mangiare normalmente ed aumentano il rischio di soffocamento. Mantenere il proprio peso allora diventerà un problema. Via via che il diaframma ed i muscoli intercostali si indeboliscono, la capacità vitale e la pressione inspiratoria forzata diminuiscono. La ventilazione C-PAP oppure quella a pressione positiva Bilevel a cui frequentemente ci si riferisce con l'acronimo B-PAP è frequentemente utilizzata per sostenere la respirazione, inizialmente soltanto di notte e.

È consigliabile che, prima che la terapia con B-PAP diventi insufficiente, il paziente con l'eventuale sostegno della sua famiglia decida se farsi praticare una tracheotomia ed attraverso essa ricevere la malattia paura del sesso meccanica a lungo termine.

Una parte dei pazienti non accetta questa pratica ed invece sceglie cure palliative in una unità per lungodegenti: la maggior parte delle persone con Malattia paura del sesso muore in seguito ad insufficienza polmonare o all'insorgere di polmonitee non direttamente per la malattia. La presenza di compromissione cognitiva nei pazienti è stata recentemente individuata come indice prognostico negativo [50]. La malattia non influisce sulla capacità di una persona di vedereodoraregustaresentire o percepire sensazioni tattili.

Il controllo dei muscoli oculari è la funzione più conservata, benché alcuni pazienti con una durata estremamente lunga di malattia più di 20 anni possano perdere anche il controllo degli occhi. A differenza della sclerosi multipla, nella SLA il controllo degli sfinteri urinari ed intestinali è di solito conservato, sebbene, in seguito alla forzosa immobilità ed ai cambiamenti dietetici, i problemi intestinali come la stitichezza possano richiedere una intensa gestione medicale.

Una piccola percentuale di pazienti va incontro allo sviluppo di demenza frontotemporalemalattia paura del sesso da profondi cambi della personalità ; questo è più comune tra quelli malattia paura del sesso una storia familiare di demenza. Una percentuale maggiore di pazienti sperimenta problemi con la generazione di parole, con l'attenzione o con i processi decisionali.

I professionisti dell'assistenza sanitaria devono spiegare ai pazienti il corso della malattia e descrivere le malattia paura del sesso di trattamento disponibili in modo che i pazienti possano prendere decisioni informate studiate in anticipo. La diagnosi di SLA è basata principalmente sui sintomi e sui segni che il medico osserva nel paziente e su una serie di test che servono per escludere altre malattie.

I medici malattia paura del sesso la storia medica completa del paziente e di solito conducono esami neurologici a intervalli regolari per valutare se sintomi come la debolezza muscolare, l'atrofia di muscoli, la iperreflessia e la spasticità stiano diventando progressivamente peggiori. Dal momento che i sintomi della SLA possono essere simili a quelli di una larga malattia paura del sesso di altre malattie o disordini più trattabili, devono essere condotti test appropriati per escludere la possibilità di altre condizioni, in particolare le malattie primitive del muscolo che possono anch'esse presentare un'espressione clinica analoga deficit di forza progressivo, crampi muscolari e atrofia muscolare Una di queste prove è l' elettromiografia EMGuna tecnica di registrazione speciale che rileva l'attività elettrica provocata o spontanea nei muscoli, e che consente di rilevare eventuali aree di denervazione, attiva e cronica.

Un'altra prova comune misura la velocità di conduzione del nervo NCV. Le anomalie specifiche nei risultati NCV possono suggerire, ad esempio, che il paziente abbia piuttosto una forma di neuropatia periferica danno ai nervi periferici. Anche se le scansioni MRI sono spesso normali nei pazienti affetti da SLA, possono rivelare la presenza di altri problemi che possono essere causa di sintomi analoghi, come un tumore del midollo spinale, la sclerosi multiplal'ernia di un disco intervertebrale nella zona cervicale, la siringomieliao la spondilosi cervicale.

In alcuni malattia paura del sesso, ad esempio, se un medico sospetta che il paziente possa avere una miopatia distrofia muscolaremiasteniaecc. Malattie infettive come quelle causate dal virus dell'immunodeficienza umana HIVil virus della leucemia a cellule T HTLVla malattia di Lymela sifilide [52] e la encefalite da zecche [53]la Sindrome di Guillain Barrè possono in alcuni casi causare sintomi simili alla SLA.

Affezioni neurologiche, di solito molto meno gravi, come la sclerosi multiplala sindrome post-poliomieliticala neuropatia motoria multifocalela neuropatia assonale motoria acutal' atrofia muscolare spinale e patologie benigne come la sindrome da crampi e fascicolazionipossono mimare certi aspetti della malattia nota come SLA e devono essere considerate come alternative diagnostiche dai medici che tentano di porre una diagnosi.

Ci sono casi documentati di pazienti che presentano sintomi simili alla SLA, con un titolo anticorpale positivo alla Borreliosi di Lyme, che rispondono all'inizio aggravandosi per la reazione di Herxheimer e successivamente migliorandoa protratte terapie antibiotiche con claritromicinadoxiciclina o ceftriaxone. Dal momento che la prognosi e la terapia variano enormemente nel caso delle summenzionate diagnosi, e dal momento che esiste una certa varietà di malattia paura del sesso o disordini che possono rassomigliare alla SLA nelle sue prime fasi, i pazienti giustamente dovrebbero cercare una seconda opinione neurologica dopo la diagnosi di SLA.

Nelricercatori della Mount Sinai School of Medicine hanno identificato tre proteine che si trovano a concentrazioni significativamente inferiori rispetto a quelle nei pazienti sani nel liquor cefalorachidiano CSF di pazienti affetti da SLA. Questi sono i primi marcatori biologici disponibili per la diagnosi di questa malattia e potrebbero malattia paura del sesso i malattia paura del sesso strumenti per poter confermare la diagnosi di SLA. Con le procedure diagnostiche attuali, il tempo medio che trascorre dall'insorgenza dei sintomi alla diagnosi è di circa 12 mesi.

Marcatori diagnostici migliori potrebbero aiutare a fare una diagnosi ancora più precoce, permettendo ai pazienti di ricevere la terapia più tempestivamente, anche di anni. Il paziente affetto da SLA perde progressivamente malattia paura del sesso motoneuroni superiori corticali e inferiori troncoencefalici e spinalicon un decorso del tutto imprevedibile e differente da soggetto a soggetto, con esiti disastrosi per la qualità di vita, oltre che per la sopravvivenza. La SLA non altera le funzioni sensoriali, sessuali e sfinteriali del malato.

Alcuni geni, attualmente ancora oggetto di malattia paura del sesso, sembrerebbero correlati al processo neurodegenerativo di entrambe malattia paura del sesso patologie, in particolare c9ORF Finora non è stata scoperta alcuna cura definitiva per la SLA.

Nonostante questo, la Food and Drug Administration FDA ha approvato il primo trattamento farmacologico per la malattia: il riluzolo. Si pensa che il riluzolo possa ridurre il danno ai motoneuroni, perché riduce il rilascio di glutammato. Comunque, questa prima terapia specifica per la malattia, offre la speranza che la malattia paura del sesso della SLA possa un giorno essere rallentata da nuovi farmaci o combinazioni di essi.

I ricercatori stanno studiando varie soluzioni per ritardare l'avanzamento della SLA; tra le possibili terapie più promettenti che malattia paura del sesso un futuro prossimo potrebbero essere disponibili vi sono quelle che seguono. Il resveratrolo sembra in grado di proteggere i neuroni essendo in grado di stimolare la produzione di NADed è in grado di superare la barriera ematoencefalica.