Porno prevalere sulla figlia del sesso

IL RACCONTO DI UNA PROSTITUTA: QUANTO GUADAGNA?

Orologio blu del sesso

Beh, non ha tutti i torti. Uscendo dal centro commerciale ho colpito con lo spigolo del paraurti il sacchetto della spesa che tiene in mano, rompendolo : due litri di latte, un sacchetto di arance e quattro uova si sono spiaccicati per terra, tra le sue bestemmie e le risate soffocate dei presenti.

Ioinvece di fermarmi e chiedergli scusa, ho accelerato e me la sono svignata. Perché è la verità: mia madre batte. Ohmica sulla strada, intendiamoci. Roba fineroba di classecome direbbe qualcuno. Il lussuoso appartamento che occupiamo al terzo piano di un elegante condominio del centro ha tre camere : nella primala più piccola, vicina al bagno, dormo io. Nella secondagrandeluminosa e con un elegante letto a baldacchino che odora di vanigliaporno prevalere sulla figlia del sesso sua essenza preferitadorme ovviamente lei.

A proposito … mia madre… Mi sembra doverosoprima di proseguire con questa storiaraccontarvi qualcosa di lei. A vederla non sembra proprio una puttana. Forse è proprio questo che attira i tanti maschietti che vengono a trovarla. Una donna troppo appariscentetruccata a dismisuraabbigliata da vampricorderebbe probabilmente loro con chi stanno e cosa stanno facendo. Alcuni clienti particolarmente affezionati vengono accolti nella sua alcova anche in orari in cui non lavorose non possono fare altrimenti o se la bramosia per il corpo di mia madre si fa impellente: in queste occasioni la mia prima preoccupazione è quella di filarmela immediatamente.

E fa un freddo cane, cazzo! Me ne andai paonazzo in voltomaledicendo in cuor mio mamma e tutti i puttanieri che la frequentavano. Ma stavolta resto … non sono mica un pirla … me ne resto a casa a guardarlala partita! Fossi andato da Paolo, oppure al barraggomitolato tra zoticoni urlantinuvole di fumo e birre medie, sarebbe stato meglio. Io mi rintanai in camera mia ; tivùpatatine e coca.

Cominciarono i gemitii mugugnile frasi interrotte bruscamentei gridolinii grugniti animaleschi, le parole sussurrate : insommatutto il repertorio orchestrabile da una coppia in amore. Cercai di concentrarmi sulla partitainutilmente. Sentivo i grugniti suini di lui e i sospiri di leile dolci parole che con voce arrochita dal piacere gli stava sussurrando.

Era troppo! Mi alzai bruscamente. Quando le porte scorrevoli si aprirono, compresi immediatamente che qualcosa di grave doveva essere accaduto. La cenaquella sera, fu mesta. Mammagli occhi lucidipallida e affranta, singhiozzava pianotoccando appena il cibo che aveva davanti.

Male che vada rifiuterà. Stette immersa nei propri pensieri per alcuni secondi. Lo sentivo battere sordo e rapido nel petto mentrerichiudendo la porta, pensavo a cosa avrei ricordato di quella notte per il resto della mia vita. Poteva essere porno prevalere sulla figlia del sesso, se tutto fosse andato porno prevalere sulla figlia del sesso i miei desideri più segreti, una notte memorabile.

Ogni frase, ogni gesto, ogni tentativo possibile mi erano sembrati banali, volgari e per lei imperdonabili : mi avrebbe rispedito in camera mia con un ceffonee sarei stato fortunato se conseguenze ben più gravi non avessero reso impossibile la nostra serena convivenza. Cambiava continuamente posizione: di panciadi schiena, di latoe i suoi forti sospiriaccompagnati da sbuffi impazienti, mi fecero comprendere porno prevalere sulla figlia del sesso il sonno faticava ad arrivare.

Nessuna reazione. Tentaicol cuore impazzito e la gola riarsa. Allontanai leggermente il bacino dalle sue ginocchiache stavano lambendo i miei pantaloncini, affinché non avvertisse il membro eretto. Iniziai a massaggialo delicatamente: sentivo la sua carne morbida ed elastica cedere leggermente al contatto delle mia ditamentre la pelle, setosa e perfetta, mi trascinava con la mente verso ben altre intimità celate.

Dovevo osare. Divenni porno prevalere sulla figlia del sesso : meglio un rifiuto e tutte le possibili conseguenze del mio gesto, che quella tortura. Iniziai a piangere sommessamente, i singhiozzi che di tanto in tanto mi scuotevano. Fu un pianto sincero. Temevo di aver lacerato irreparabilmente il legame che ci univa, di aver tradito il suo amore disinteressato di madre.

E fu sincera anche la confessione chetra le lacrime, le resi. Mia madre mi stava scrutando con uno sguardo in cui la rabbia e la curiosità si mescolavano, e non riuscii ad indovinare quale delle due prevalesse.

Lo sosiamo madre e figlio, è…è mostruoso quello che ti ho fatto! Lei taceva. Vedevo la rabbia svaporare lentamente dai suoi occhi, mentre una curiosità malsana porno prevalere sulla figlia del sesso prendeva posto. Ne fui incoraggiatoe tentai di indebolire le sue legittime resistenze, di violare il più invalicabile dei tabù. Cercai malignamente di farla sentire porno prevalere sulla figlia del sesso colpastimolando al contempo la sua vanità. Le parole uscivano spontanee ed incontrollate dalla mia bocca ,quasi stessi parlando nel sonno.

Tutte le frasi banali che nel pomeriggio avevo pensato di dirle si dissolsero. Lessi il dispiacere nei suoi occhi e ne approfittai, rivelandole il mio segreto più inconfessabile. Mia madrepallida e dubbiosa, mi osservava. Si tolse lentamente la vestaglia. Trasalii, impaurito ed attratto da quel superbo corpo. I piccoli e svettanti seni dai rosei capezzoli. Tolsi in fretta i pantalonciniliberando la mia verga bruciante, e feci per penetrarla.

Le sorrisi e mi abbassai al suo pube. Lei si contorceva come una bisciaansimando. Il mio bastone di carnele grosse vene in rilievodondolava piano davanti al suo sorriso. Abbassai lo sguardo : incontrai gli occhi di mamma che mi sorridevanomentre la mia verga ,che le strappava gemiti strozzati a causa delle consistenti dimensioni, usciva e rientrava velocemente nella sua gola, lucida di saliva.

Entrai in lei con un unico, fluido movimento di bacino, arrivando ben presto alle sue carni più celate. Il membro bruciava nelle profondità materne, immerso nei suoi bollenti balsami. Al sentirle rammentare il nostro legame di sangueil piacere si faceva quasi insopportabile, doloroso ; poiché ero conscio del fatto che si sarebbe comunque spento, una volta saziata la mia verga,e che mai più avrei porno prevalere sulla figlia del sesso una gioia paragonabile a quella prima volta con mia madre.

Presi a possederla con fogaquasi con violenza direi,eccitato dalle sue urla strozzate e dal rumore secco, intermittente, prodotto dai testicoli contro le sue candide natiche. Niente quella notte mi sarebbe stato negato. Assaggiai ogni portata di quel banchetto proibito. Si porno prevalere sulla figlia del sesso carponirivolgendo verso il mio volto estatico il suo scultoreo fondoschiena.

E immediatamente ne fece colare una lunga bava sul mio glande impazzito. Le presi i seni tra le mani, e impastandoli con voluttà iniziai a montarla con maggior foga. La sua bianca schiena era inarcata nel godimento, con i piccoli dischi della colonna vertebrale in rilievo: la verga entrava ed usciva veloce dalle profondità materne, viscida e porno prevalere sulla figlia del sessocon un suono come di carne percossa, che aumentava a dismisura il mio piacere. Vieni nella passerina della tua mamma…,- disse sdraiandosi con un sorriso, spalancando le cosce.

Scivolai furiosamente in lei, ormai al limite della sopportazione. Era umanamente impossibile resistere oltre: pochi secondi ancora e sentii il caldo seme, impaziente, gorgogliare nei testicoli. Gli affondi si fecero più violenti. Tremando, squassato dal piacere, le inondai il grembo di nettare bollente. Restai in leiesausto e felice, per alcuni minuti.

Ci baciavamo piano, sorridendoci amorevolmente. Annuii e, senza dir nulla, ci spostammo in bagno, nudi ed appagati. Iniziammo ad insaponarci piano, scambiandoci di tanto in tanto dei baci appassionati, che suggellavano la nostra unione.

Istintivamente le presi la testa tra porno prevalere sulla figlia del sesso mani e, tenendola ferma ,iniziai a possederla in bocca con profondi movimenti di bacino. Con gli occhi chiusiimmerso nel godimento, ripensai fulmineamente alla nottata appena vissuta, come in un flash-back. Ella si ritrasse lentamente, fissandomi seria.

La mia mentementre ci sistemavamo nel lettone, era un turbinio di pensieri. Vi si affollavano in modo caotico, senza che nessuno riuscisse a prevalere sugli altri. Il grande passo ormai è stato porno prevalere sulla figlia del sesso. Create your forum and your blog!