Costui persuade una donna matura per il sesso

Miti da sfatare, alle donne piace meno fare sesso.

Sesso con una nonna giapponese

This banner text can have markup. Search the history of over billion web pages Costui persuade una donna matura per il sesso the Internet. Full text of " L'adulterio del marito, uguaglianza ella donna, divorzio; " See other formats. Fratelli Treves Gli editori hanno compite tutte le formalità richieste dalla legge e dalle convenzioni interna: ionali per riservare la Proprietà let- teraria e il diritto di traduzione.

L' Adulterio. Definizione dell'adulterio. Parità' di Trattamento. Colpa del Marito. L'adulterio della moglie quasi sempre provocato dalla colpa, ne- gligenza od imperizia del marito. Uguaglianza della Donna. Uguaglianza di diritto tra l' uomo e la donna. Giustizia, necessità ed opportunità del divorzio. Azione Penale.

Non tutte le azioni turpi contro il buon costume e contro l'or- dine delle famiglie devono classificarsi tra i reati punibili. Opinione Pubblica. Stato della pubblica opinione intorno airadulterio. Vi si dà ordina- riamente cosi poca importanza, che chi lo commette, non solo nulla perde nella pubblica estimazione, ma a volte ne trae anche argomento di vanagloria. Non abbiamo noi udito uno statista serio e stimato, di cui l'Italia pianse, non è molto, la perdita, dichia- rare in pien Parlamento, che se si dovessero redarguire tutti i mariti, che mancano ai loro doveri, pochi o punti sarebbero gli esenti da censura?

In tali condizioni, perchè essere tanto severi colle donne? Perchè scagliar loro la pietra addossocol- pirle colla legge penale, aggravare contro di esse gli effetti della legge civile, riprovarle colla pubblica opinione?

Le leggi penali e civili ed il comune sentire do- vrebbero concorrere a proteggere la donna, a trat- tarla più equamente. In un contratto liberamente consentito dalle due parti, nel quale ognuna reca quel tanto, che vogliono la natura e lo scopo di esso, non deve esserci chi abbia la parte del leone, chi possa impunemente in- frangerlo, chi irrida senza pericolo alle angoscio od all'amor proprio dell'altro.

A raggiungere lo scopo mi propongo adunque di trattare in tanti distinti capitoli i seguenti argo- menti : 1. Questa è la tela, sulla quale mi propongo di trat- teggiare a larghe pennellate il mio soggetto.

Definizione dell'adulterio, — Elementi, che lo costituiscono. L' adulterio è la violazione della fede coniugale corporalmente consumata : quando, cioè, il Costui persuade una donna matura per il sesso o la moglie si uniscano in copula carnale con persona di altro sesso.

La definizione, che ho presentata, ha la sua eti- mologia nelle parole ad alterum thonim accessio, con cui Costui persuade una donna matura per il sesso antichi designavano la corporale violazione del patto coniugale. Adulterium, sicut ipswn nomen sonat, scriveva San Tommaso d'Aquino, est accessus ad alienum thorum.

Yoce adul- terio è oramai intesa da tutti nello stesso senso. Tale é pure il sistema del codice penale toscano, il quale sotto il nome di adulterio altro non intende Costui persuade una donna matura per il sesso quello della donna. Con questo nome Costui persuade una donna matura per il sesso chiama general- mente lo stato di un uomo e di una donna, che vivono insieme come marito e moglie, senza essersi assog- gettati alle formalitcà richieste dalle leggi per dare a questa unione la qualità di matrimonio legittimo; d'onde avviene, che il semplice commercio carnale di un uomo con una donnaquand' anche ripetuto e consumato nella casa maritale, quale sarebbe, per esempio, la relazione sessuale del marito con una fantesca, non si potrebbe chiamar concubinato.

A costituire l'adulterio, come lo indica la defini- zione, che vengo di darne, vuoisi il concorso di tre 8 lVdulterto elementi, cioè, dell'unione consumata dei sessi, del matrimonio di uno degli agenti, e del dolo, ossia della colposa volontà per parte del coniugato di mancare alla fede promessa. Per il primo elemento dell'unione sessuale consu- mata, bisogna, come dicono gli autori, che i colpevoli sese commisceant ita ut demum unum sii.

Il semplice desiderio, le famigliarità, che ne sono d'ordinario il preludio, gli atti licenziosi, che le se- guono, ed anche il consenso formale a commettere l'adulterio, non bastano a concretarlo.

Perché sussista, è proprio necessariosecondo gli autoriche inter- venga il vero congiungimento sessuale nei modi naturali. Per cui le carezze, i baci, i toccamenti, le moUizie ed ogni altro atto di sensualità, non esclusi neppure l'amor lesbiano, né la venere nefanda, per riprove- voli e ributtanti che sieno, se possono essere indi- zio di adulterio, da per loro non lo costituiscono.

Certo è che il coniuge, il quale si lascia trascorrere ad uno di quelli atti, è ben prossimo a commettere l'adulterio; anche un solo bacio concesso da una donna è fatale incentivo al male. Curiosissimo al riguardo è il precetto dei dottori ebraiciper il quale una donna, che fosse stata na- scostamente con un uomo per tutto il tempo neces- sario a cuocere un uovo ed a mangiarlo di poi do- veva senza più presumersi adultera.

Tale è pure la condizione della donna, che subisce violenza, o di quella, che riceve un uomo credendolo il proprio marito. E notate, che a legittimare questa speciosa diffe- renza di trattamento non concorre nemmeno il solito argomento, che si fa valere contro le mogli, delle più gravi conseguenze, cioè, della loro colpa pei figli di estranei, che possono introdurre nella famiglia del marito, perchè costui è sempre in diritto di ricusare di 12 l'adulterio riconoscere il figlio concepito durante la separazione, introducendo l'azione in disconoscimento.

La legge canonica, con quella smania di casuistica, che ha sempre distinta la Chiesa e che ci ha con- dotti alle celebri e riprovevoli opere dei Sanchez ed altri gesuiti, ed al famoso e recente manuale del confessore del vescovo Bouvier, ha distinto l'adulterio in semplice ed in doppio, a seconda che questo fallo è commesso da un coniugato con persona libera, o da due individui entrambi coniugati.

Ma né la legge civile, né la pubblica coscienza si sono mai arrestati a questa distinzione. Non è del resto questo il solo caso, in cui la legge prussiana si scosti dalle regole ammesse general- mente nelle leggi penali delle altre nazioni, facendo Costui persuade una donna matura per il sesso di maggior rigorismo ed addentrandosi in particolari, cui la legge ordinariamente rifugge.

Cosi il principio, che più sovra indicavo, non es- servi adulterio senza l'unione naturale e consumata dai due sessiita ut unum sint et se se commixeant, il codice prussiano non lo ammette, estendendo an- che la penalità a quei fatti libidinosi, che i giuristi chiamano contro natura. Un'ultima osservazione per uscire da questa breve rassegna dei principii generali, che regolano la ma- teria dell'adulterio. Sarebbe da farsi un volume colla semplice enu- merazione di tutte le crudeltà, di tutte le ingiustizie, cui l'adulterio ha dato luogo nei tempi passati.

Ma che da questa natura dell' adulterio si potesse dedurne il diritto e la convenienza di punirlo con tutti quei vari, orribili, immorali, e talvolta persino bizzarri castighi, che la storia ci tramanda,[corre un immenso divario. Ma non voglio anticipare sull'argomento e vengo a dire del modo, onde l'adulterio è stato anticamente, ed è tuttavia, punito presso le varie nazioni del mondo.

I Germani, i Parti, Costui persuade una donna matura per il sesso Arabi punivano la moglie adultera ed il complice coll'estremo supplizio. Presso gli Ebrei quando un marito concepiva qual- che sospetto intorno alla fedeltà della moglie eserci- tava il cosi detto atto di gelosia, o zilotypiaj proibiva, cioè, solennemente alla moglie, in presenza di due testimoni, di aver nessuna famigliarità con quel tale, che egli sospettava, né di tenersi chiusa seco lui.

Se la moglie non rispettava il divietola costringeva a trangugiare le cosi dette acque amare. Veniva essa a tale effetto condotta al tempio j ivi il sacer- dote presentandole un vaso di terra, entro il quale aveva versata un' acqua amara dà lui preparata ed a cui frammischiava alquanta Costui persuade una donna matura per il sesso del pavimento del tabernacolola invitava a bereaccompagnando l'invito colle più orrende maledizioni, le quali, come no avvertiva la donna, sarebbero sovra di lei rica- PENALITÀ dell' ADULTERIO 17 Iute se colpevole 5 pregava poi nel medesimo tempo il Signore di far si, che le acque le fossero propizie, se innocente, accordandole un figlio nei dieci mesi.

La donna, stando in piedi e colla faccia rivolta verso la porta del tempio, preso il vaso, lo innalzava al Si- gnore, ne beveva il contenuto, indi lo poneva sul- l'altare.

Se questa strana bevanda faceva successiva- mente gonfiare il ventre della donna, o le cagionava altro grave malore, spesso anche la morte, era segno, che ella era colpevole ; quando invece non ne ri- sentiva danno la si riteneva innocente, e non era raro, che la previsione del sacerdote si avverasse e Costui persuade una donna matura per il sesso la di lei fecondità manifestasse a tutti la sua innocenza. La donna sorpresa in adulterio, o la cui colpevolezza fosse certa, era lapidata, se pure talvolta il marito non si vendicava più speditamente da sé mettendola segretamente a morte.

Nei primi tempi di Roma, come in Atene, l'adul- terio della moglie era punito con pena arbitraria. La donna colpevole veniva giudicata da un tribunale domestico Costui persuade una donna matura per il sesso del marito e dei più prossimi parenti e poteva non solo essere ripudiata, ma anche esigliata o punita con altre pene, non esclusa nep- pure l'uccisione, — cognati necato uti volent.

Tutte queste leggi, che sono la siimptuaria, la legge de adulteriis, quella de 'pudÀcilia, l'altra de maritandis ordinibm, e finalmente la Papia Poppea, erano dirette a promuovere i matrimoni divenuti rari tra i romani, ed a reprimere la scostumatezza e la violazione della fede nuziale. La legge de adulteriiscome ho detto più sopra, permetteva a chiunque di denunciare i colpevoli e comminava loro la pena della relegazione.

Nella Francia antica, giusta i capitolari di Carlo Magno, la moglie adultera era punita colla morte, più tardi la pena ordinaria tanto per la moglie adul- tera quanto pel suo complice consisteva nel condurli ignudi per le vie dopo essere stati spalmati di miele e rotolati nelle penne e fustigati, 1' uomo era legato e trascinato per gli organi genitali, la donna in tal parte coperta; di più erano talvolta anche mutila i.

In alcuni luoghi invece erano legati entrambi sovra un asino colla faccia rivolta verso la coda dell ani- male e cosi fatti girar per le strade e battuti colle verghe. Quando le leggi e gli usi francesi cominciarono ad unificarsi e perdettero del barbarismo dei primi tempi, la moglie convinta d' adulterio era rinchiusa in un convento, il marito poteva vederla e riprendersela, ma trascorso un tempo determinato, senza che usasse di tal diritto, le tagliavano i capelli, la vestivano da conversa e la ritenevano Costui persuade una donna matura per il sesso tutta la vita in quella triste ed umiliante carcere, che Costui persuade una donna matura per il sesso il chiostro.

Le donne povere ed incapaci di pagare la retta, che il monastero esigeva, si rinchiudevano invece in un ospe- dale, ove erano trattate alla pari delle meretrici ivi ricoverate. Inoltre, nei casi più gravi, solevano i Par- lamenti condannare la donna ad essere anche fusti- gata, ora sulla pubblica piazza, ora nel convento, od ospedale, ove veniva rinchiusa.

In Costui persuade una donna matura per il sessoin Sassoniaed in altri paesi della Germaniala moglie adultera era decapitatao im- piccata, fustigata al punto di dover soccombere. In Polonia si decretava pure la pena capitale per la moglie colpevole, e pel suo seduttore si era in- ventato un ignobile ed efferato modo di punizioneche consisteva nel sospenderlo per le parti genitali ad un ponte al di sopra di un fiume, lasciandogli la sceltadi morire in quella dolorosa situazione, o di recidersi i genitali con un rasoio, che a tal uopo gli lasciavano in mano.

Nella Spagna le donne colpevoli erano punite colla fustigazione ed i loro seduttori venivano evirati; agli uni e agli altri si imponevano inoltre gravi multe, che in caso di Costui persuade una donna matura per il sesso pagamentosi risolvevano in tanti colpi di frusta proporzionati alle somme che non potevano pagare. In Portogallo Costui persuade una donna matura per il sesso donna adultera ed il suo complice erano condannati al rogo ; il marito perdonando alla 22 l' adulterio moglie poteva fino all'ultimo momento salvarla da morte; in tal caso il seduttore profittava ancor egli del perdono.

Nei Paesi Bassi gli adulteri erano sottoposti ad una pubblica penitenza e dovevano portar sempre l'abito del pellegrino. Secondo gli statuti dei vari Stati d'I- talia la moglie adultera era diversamente punita, ora con carcere, ora con multa, talvolta anche colla fu- stigazione, ma giammai in quei modi sproporzionati ed inumani usati altrove.

Quando fu scoperta l'America, e che gli Spagnuoli penetrarono nel Perùnel Messico ed in altre re- gionitrovarono, che anche là costumavano peno immani e sproporzionate per 1' adulterio, e quel che è singolareconformi a quelle dei vecchi popoli asiatico-europei.

Delle rozze e selvagge popolazioni dell'Africa e della Polinesia, alcune trattano le mogli adultere e i loro com- plici colla stessa barbarie di uccisione, o col ferro col fuoco, col sotterrarli viventi, o col mutilarli, PENALITÀ DELL' ADULTERIO 23 altre si limitano a vender gli adulteri come schiavi ed altri infine, o non li puniscono, o soltanto ecce- zionalmente e con minor severità, come avveniva nelle isole Sandwich, ove la Costui persuade una donna matura per il sesso adultera non era punita, a meno che il suo complice fosse un uomo del popolo ed essa la moglie di un principe o di un capo, nel qual caso subiva la perdita di un occhio; che allora si puniva piuttosto l'oltraggio fatto alla maestà del capo che l'offesa alla morale.

Vediamo ora quali sieno le disposizioni dei preci- pui codici penali moderni intorno all'adulterio. Cominciamo dal codice penale sardo del esteso a tutta Italia, tranne alla Toscana. Quando si fece il codice civile, che è posteriore 24 l' adulterio al codice penalequesto argomento fa discusso da una commissione di competenti magistrati o giuristi, che fa chiamata coordinatrice e diede l'ultima mano a quel codice.

Si dissecioè, che l'adulterio del marito avrebbe anche dato luogo alla separazione, se egli avesse mantenuta la concubina, non solo in casa sua, ma notoriamente in altro luogo, oppure se concorressero circostanze tali, per cui il fatto costituisse un'ingiuria grave alla moglie.

Avevo l'onore di far parte di queirautorevole com- missione e fai anzi il redattore dei processi verbali Costui persuade una donna matura per il sesso sue discussioni, e mi rammento precisamente, che in quella circostanza, tranne un onorevole giu- reconsulto, che come ministro aveva una volta emesso in Parlamento la faceta osservazione da me poco sovra ricordata, che, cioè, se volesse punirsi l'adulterio degli uomini, nessuno o pochissimi coniugati ande- rebbero immuni da pena, tutti i componenti delia commissione fammo d'accordo nel riconoscere l'in- PENALITÀ dell' ADULTERIO 25 giustizia dell' attuale disparità di trattamento tra il marito e la moglie.

Cosicché nell'animo dei redattori del nuovo codice civile la responsabilità del marito adultero non do- veva essere limitata al solo caso di concubinato nel domicilio coniugale, ma estendersi pure al concubi- nato notorio, anche fuori della casa maritale, ed a qualunque adulterio semplice ed isolato sorpreso in flagranza dalla moglie.

Il codice penale toscano contiene le seguenti dispo- sizioni sull'adulterio : La moglie colpevole di adulterio è punita, a que- rela del marito, col carcere da due a cinque anni ; alla medesima pena soggiace il correo ; il marito, che tiene una concubina nella casa coniugale, subisce, a querela della moglie, la medesima pena, alla quale soggiace anche la correa.

Anche qui dunque lo stesso sistema di non punire nel marito fuorché il solo concubinato nella casa maritale. Il codice penale francese punisce la moglie con- vinta d' adulterio colla prigionia da tre mesi a due annied il di lei complice colla stessa penaoltre una multa da cento a mille lire. Il marito poi non è soggetto a pena, fuorché nel caso abbia mantenuta una concubina nella casa maritale, ed anche in que- sta circostanzavedete che indulgenza! Secondo il codice portoghese l'adulterio della mo- glie é punito col degredo temporario deportazione da tre a quindici anni j il complice conscio che la donna é maritata, é punito colla stessa pena.

Il marito, che tiene una concubina nella casa maritale, é condannato alla multa da tre mesi a tre anni cioè, ad una somma uguale al suo reddito da tre mesi a tre anni.

Il marito, che tiene la concubina nella casa maritale, o fuori di essa con scandalo, è punito col carcere correzionale, nei suoi gradi minimo e medio, e la concubina col destierroj od esilio semplice. Il Costui persuade una donna matura per il sesso ticinese punisce la moglie adultera col terzo grado di detenzione, ed il di lei drudo col se- condo grado, oltre una multa, ed il marito adultero col secondo grado e la sua complice col terzo grado ed una multa.

Costui persuade una donna matura per il sesso codice maltese punisce la donna adultera colla prigionia da sei mesi ad un anno ed il drudo colla stessa pena da quattro a nove mesi. I codici penali dei cantoni svizzeri di Vaud, Neuf- chàtel, Valais e Friborgo puniscono indistintamente la moglie ed il Costui persuade una donna matura per il sesso adulteri ed i rispettivi loro complici colla pena da tre a sei mesi di carcere e con una multa.

II codice del Brasile punisce l'adulterio semplice della moglie Costui persuade una donna matura per il sesso il concubinato del marito, che tiene la ganza in casa, colla casa di lavoro da uno a tre anni. I codici di Bolivia e del Perù comminano alla mo- glie adultera sino a sei anni di reclusione ed al drudo l'esigiio.

Il nuovo codice penale germanico, che è sub- entrato ora ai codici particolari dei vari Stati del- l' Impero, stabilisce che quando l'adulterio sia stato causa dello scioglimento del matrimonio, venga punito, dietro querela di parte, tanto nel coniuge colpevole, quanto nel suo complice, colla carcere fino a sei mesi. Finalmente il recente codice penale ungherese sui crimini e delitti, entrato in vigore il l. Tale è in succinto lo stato della legislazione moderna.

Mi è parso utile di presentare ai lettori questi dati intorno all' adulterio, correndo anche il pericolo che taluni di loro li trovassero eccessivi o troppo aridi, perchè dal modo, con cui è nei moderni codici con- siderato r adulteriodal distinguerecioèdi alcuni tra il fallo commesso dall' uno o dall' altro coniuge, ovvero dall' attribuirsegli indistintamente le stesse conseguenze, come si fa da altri, sia che trattisi de] - l'adulterio della moglie, sia di quello del marito, si possono dedurre parecchie conseguenze utilissime per l'ulteriore sviluppo di questo lavoro.

Sebbene siansi le nostre leggi già in parte modi- ficate e si manifestino più eque Costui persuade una donna matura per il sesso la donna, e che la pubblica opinione non si spieghi più tanto recisa nel condannarla con maggior severità, tuttavia non è da dissimularsi, che le une e l'altra considerano Costui persuade una donna matura per il sesso generale l'adulterio del marito come meno grave e meno reprensibile di quello della moglie, al Costui persuade una donna matura per il sesso attribuiscono pertanto effetti legali e morali ben di- versi dal primo.

Contro una dottrina, che offende in modo cosi evi- dente l'uguaglianza Costui persuade una donna matura per il sesso e della donna, che dis- conosce 1 diritti di questa e non si dà pensiero delle tristi conseguenze della colpa del marito, si sono ri- bellati insigni scrittori ed animi eletti, ed oramai la questione ha fatto notevoli passi verso una soluzione favorevole alle donne, e pertanto ai principii di giu- stizia e di progresso, che stanno per loro, ed è spe- rabile che gli sforzi di tutti i filosofi e scrittorii quali hanno assunta la missione di difendere que- sta causa, approdino in un avvenire non lontano e che, tenendo conto nelle leggi e nella pubblica opinione di questo nuovo stato di cose, si corregga l'ingiusta disparità, che di presente si osserva tra la colpa del marito e quella della moglie.

Queste sono, nel modo più sintetico, le principali ragioni, che mi hanno convinto e che mi propongo di sviluppare, fiducioso di poter a mia volta persua- dere il lettore imparziale e spregiudicato, che mi vorrà seguire in questa dimostrazione.

Entrando senz'altro nel cuore della questione ed esaminando più davvicino, se sia giusto e conveniente che le leggi penali e civili e la pubblica opinione si aggravino sulla donna, non credo che in questi tempi di civiltà si possa legittimare questa ingiustizia colla pretesa inferiorità della donna, coU'obbligo, cioè, dello schiavo di essere fedele al suo padrone. La società coniugale si appoggia invece sul principio assoluto dell'uguaglianza ed il dovere della fede coniugale è pari e comune al marito come alla moglie, sicché a questo dovere corrisponde nell'uno e nell'altro coniuge il diritto di esigerne l'osservanza.