Potenza e ipertensione 1

Ipertensione: Vero o Falso - Cosa bisogna sapere per la prevenzione, la diagnosi e la cura

Fratelli Video Sachs

L' ipertensione o ipertensione arteriosa è una condizione clinica in cui la pressione del sangue nelle arterie della circolazione sistemica risulta elevata. La pressione arteriosa è riassunta da due misure, sistolica e diastolicache dipendono dal fatto potenza e ipertensione 1 il muscolo cardiaco si contrae sistole e si rilassa diastole tra un battito e l'altro.

La pressione sanguigna normale a riposo è compresa tra i e i mmHg di sistolica e tra i 60 e i 90 mmHg di diastolica. L'ipertensione viene classificata come primaria essenziale o come secondaria. L'ipertensione è un fattore di rischio per l' potenza e ipertensione 1per l' infarto potenza e ipertensione 1 miocardioper l' insufficienza cardiacaper gli aneurismi delle arterie es. Anche moderate elevazioni della pressione sanguigna arteriosa vengono associate a una riduzione dell' aspettativa di vita.

Cambiamenti nella dieta e nello stile di vita sono in grado di migliorare sensibilmente il controllo della pressione sanguigna e di ridurre il rischio di complicazioni potenza e ipertensione 1 la salute.

Tuttavia il trattamento farmacologico è spesso necessario in persone per le quali i cambiamenti dello stile di vita risultino inefficaci o insufficienti. La moderna comprensione del sistema cardiovascolare è cominciata grazie al lavoro del medico William Harveyche descrisse la circolazione del sangue nel suo libro " De motu cordis ".

Il sacerdote inglese Stephen Hales descrisse la prima misurazione della pressione arteriosa nel Storicamente il trattamento, per quella che veniva chiamata la "malattia dal polso duro", consisteva nel ridurre potenza e ipertensione 1 quantità di sangue grazie alla pratica del salasso o mediante l'applicazione di sanguisughe. Un importante passo avanti è stato ottenuto con la scoperta dei primi farmaci a somministrazione orale ben tollerati. I primi sono stati il clorotiazide e i diuretici tiazidici.

Entrambi sono stati messi a disposizione a partire dal L'ipertensione è più frequente negli uomini anche se la menopausa tende a diminuire questa differenza e negli individui di basso status socio-economico. La prevalenza dell'ipertensione nei giovani è in aumento. L' potenza e ipertensione 1 resistenzapotenza e ipertensione 1 è comune nell' obesità è una componente della sindrome metabolica che viene ritenuta una possibile concausa all'ipertensione.

L'ipertensione secondaria è dovuta a una causa identificabile. La malattia renale è la causa più comune dell'ipertensione secondaria. La malattia ipertensiva è responsabile della diminuzione delle aspettative di vita dei pazienti affetti. I disturbi provocati dall'ipertensione gravano sugli organi vitali: cervellocuoreretinavasi arteriosi e rene.

Per quanto potenza e ipertensione 1 il cuore, in un primo tempo si ha ipertrofia concentrica del ventricolo sinistroin seguito il ventricolo sinistro si dilata e sopraggiunge l'ipertrofia eccentrica, con possibile scompenso emodinamico.

Inoltre l'aumento della massa cardiaca espone a maggior rischio di ischemia cardiaca. La sclerosi vasale, microaneurismi con possibile potenza e ipertensione 1 ed emorragia potenza e ipertensione 1, mal di testa potenza e ipertensione 1, vertiginisincope potenza e ipertensione 1, sono tutte complicanze che possono occorrere al sistema nervoso centrale in seguito all'ipertensione.

Tipici effetti sulla retina sono: restringimento potenza e ipertensione 1 sclerosi arteriolare diffusa, con aree ischemiche, microaneurismi e dilatazione capillare. Gli effetti sui reni possono essere vari: progressiva sclerosi dei vasi intrarenali con diminuzione della filtrazione glomerulare e conseguente riduzione della funzionalità dell'organo, fino all' insufficienza renale.

Mentre i vasi arteriosi possono andare incontro ad aterosclerosi e microaneurismi. Raramente l'ipertensione viene accompagnata da sintomi e la sua identificazione avviene solitamente attraverso lo screeningo quando ci si cura per un altro problema non correlato. Una parte delle persone con ipertensione, tuttavia, lamenta mal di testain particolare nella zona superiore e nella mattinata ed episodi di svenimento. Alcuni segni e sintomi aggiuntivi possono suggerire ipertensione arteriosa secondariacioè l'ipertensione dovuta a una causa identificabile come le malattie renali o le malattie endocrine.

Per esempio, l' obesitàl'intolleranza al glucosiopotenza e ipertensione 1 viola suggeriscono la potenza e ipertensione 1 di Cushing. L'ipertensione labile o parossistica accompagnata da mal di testa, palpitazionipallore e sudorazione, deve potenza e ipertensione 1 il potenza e ipertensione 1 di feocromocitoma.

Un'elevata pressione arteriosa con una sistolica uguale o maggiore di o una diastolica uguale o maggiore di viene indicata come "crisi ipertensiva". Pressioni sanguigne sopra questi livelli sono note per conferire un elevato rischio di complicanze.

Una "emergenza ipertensiva", viene diagnosticata quando vi è evidenza di un danno diretto a uno o più organi a causa della elevata pressione arteriosa. La mancanza del respiro, la tosse ed emottisi sono segni caratteristici dell' edema polmonarel'accumulo di liquidi nel tessuto polmonare causato dall'incapacità del ventricolo sinistro del cuore di pompare adeguatamente il sangue dai polmoni nel sistema arterioso.

L'eclampsia è una emergenza ipertensiva che presenta diverse gravi complicanze, tra cui la perdita della vista, l' edema cerebralecrisi epilettiche o convulsioniinsufficienza renale, edema polmonare e coagulazione intravascolare disseminata una coagulazione disordinata del sangue.

La mancata crescita, le convulsioni, l'irritabilità, la mancanza di energia e la difficoltà di respirazione [39] possono essere associate con l'ipertensione nei neonati e nei bambini piccoli.

L'ipertensione viene diagnosticata sulla base di una pressione arteriosa persistentemente elevata. Una volta che viene fatta la diagnosi di ipertensione, si tenta di identificarne la causa sottostante, basandosi sui fattori di rischio e sugli altri sintomi, se presenti.

L'ipertensione secondaria è più comune nei bambini preadolescenti, con la maggior parte dei casi causati da malattia renale. L'ipertensione primaria o essenziale è più comune negli adolescenti e presenta molteplici fattori di rischio, tra cui l' obesità e una storia familiare di ipertensione. Prove supplementari per il diabete e per i livelli di colesterolo sono di solito eseguiti in quanto queste condizioni sono ulteriori fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiache e possono richiedere un trattamento.

Inoltre, prove su campioni di urina per proteine sono utilizzate come indicatore secondario della malattia renale. L' elettrocardiogramma ECG viene eseguito per verificare la presenza di elementi di prova che il cuore sia sottoposto ad alta pressione sanguigna.

Una radiografia del torace o un ecocardiogramma possono essere eseguiti per cercare segni di ingrossamento del cuore o eventuali danni. Si utilizzano valori leggermente inferiori mmHg sistolica o 85 mmHg diastolica se sono derivati da una misurazione di 24 ore ambulatoriale o dal monitoraggio a casa. Recenti linee guida internazionali hanno introdotto delle categorie al di sotto del livello di ipertensione per indicare una situazione di rischio continuo.

Una sub-classificazione del JNC-7 distingue ipertensione allo stadio I, ipertensione allo stadio IIipertensione allo stadio III e ipertensione sistolica isolata, che si riferisce alla pressione sistolica elevata accompagnata da una normale pressione diastolica, questa condizione è comune negli anziani l'ipertensione nell'anziano è di solito associata a ridotto volume plasmatico, grave aterosclerosi, portata cardiaca normale o ridotta.

La pressione sanguigna non viene misurata di routine nel neonato sano. Una varietà di fattori, quali l'età gestazionale, devono essere presi in considerazione al momento di formulare una diagnosi di ipertensione in un neonato. Tuttavia la pressione arteriosa deve essere confermata in visite ripetute prima di caratterizzare un bambino come iperteso. Il trattamento di prima linea per l'ipertensione è identico ai cambiamenti dello stile di vita raccomandati a scopo preventivo [55] e comprende: cambiamenti nella dieta, [56] esercizio fisico e perdita di peso.

Queste accortezze hanno dimostrato di ridurre in modo significativo la pressione sanguigna nelle persone sofferenti di ipertensione. L'adozione di potenza e ipertensione 1 dieta a basso contenuto di sodio è utile. Nei caucasici, una dieta iposodica della durata superiore alle 4 settimane è da sola capace di ridurre la pressione arteriosa, sia nelle persone con ipertensione e sia negli individui con pressione sanguigna normale.

Una caratteristica importante del piano dietetico è di limitare l'assunzione di sodio, anche se l'alimentazione è comunque ricca di potassiomagnesiocalciooltre che di proteine. Tuttavia, l'efficacia di tali metodi non sembra essere particolarmente rilevante. Il biofeedback è un metodo d'intervento non-farmacologico utilizzato nel trattamento dell'ipertensione primaria o essenziale. Alla fine del training il paziente, applicando potenza e ipertensione 1 strategie apprese, potrà mantenere sotto controllo.

Questo metodo richiede una partecipazione attiva del paziente. L'efficacia del biofeedback è stata confermata da numerosi studi scientifici condotti negli ultimi decenni [ quando? Esistono numerose classi di farmaci, chiamati farmaci potenza e ipertensione 1in grado di ridurre la pressione arteriosa mediante vari meccanismi. Le principali classi di farmaci potenza e ipertensione 1 attualmente [ quando? Tutte le molecole citate possono essere usate da sole o in combinazione.

Tutti i pazienti affetti da ipertensione arteriosa dovrebbero essere incoraggiati a modificare lo stile di vita indipendentemente dalla necessità o meno di terapia farmacologica [63]. I principali interventi non farmacologici da consigliare al paziente iperteso, che si sono dimostrati in grado di ridurre i valori tensivi, potenza e ipertensione 1 anche di garantire effetti benefici nei confronti di altri fattori di rischio cardiovascolarecome il diabete mellitol' obesitàla dislipidemia sono:.

Recentemente [ quando? La denervazione dell' arteria renale mediante ablazione transcatetere con radiofrequenza a bassa energia, è stata proposta [66] per i risolvere quei casi in cui tutte le altre strategie hanno fallito. Questa tecnica si basa sul fatto che le terminazioni simpatiche renali afferenti ed efferenti contribuirebbero alla patogenesi dell' ipertensione arteriosa.

I risultati dello studio Symplicity HTN-1 [67] hanno confermato il ruolo fondamentale dell'innervazione simpatica nel mantenimento di valori pressori potenza e ipertensione 1 nei soggetti ipertesi e l'applicazione della denervazione simpatica si è rivelata una metodica efficace e sicura nel trattamento di pazienti affetti da forme resistenti di ipertensione, come riportato nei risultati del Symplicity HTN-2 Trial.

Cambiamenti nello stile di vita sono raccomandati, al fine di abbassare la pressione sanguigna, prima di cominciare una terapia farmacologica. Del le linee guida emanate della British Hypertension Society [52] hanno proposto i seguenti accorgimenti, in linea con quelle indicate dall' US National High BP Education Program nel[68] per la prevenzione primaria dell'ipertensione:. Una efficace modifica nello stile di vita è in grado di abbassare la pressione sanguigna tanto quanto l'assunzione di un singolo farmaco antipertensivo.

Combinazioni di due o più modifiche dello stile di vita possono ottenere risultati ancora migliori. L'ipertensione è il più importante fattore di rischio prevenibile potenza e ipertensione 1 morte in tutto il mondo. L' Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato l'ipertensione come la principale causa di mortalità cardiovascolare.

Nel corso degli ultimi tre anni [ quando? Nelvi fu la partecipazione record di 47 paesi membri del WHL. Durante la settimana del WHD, tutti questi paesi, in collaborazione con i governi locali, associazioni professionali, organizzazioni non governative e industrie private, hanno promosso la consapevolezza sull'ipertensione tra il pubblico attraverso i diversi mass-media e manifestazioni pubbliche.

Potenza e ipertensione 1 all'utilizzo dei mezzi di comunicazione, come Internet e la televisioneil messaggio ha potuto raggiungere più di milioni di persone. La WHL stima che continuando su questa strada, 1,5 miliardi di persone affette da ipertensione arteriosa potranno essere raggiunte da questo messaggio. L'ipertensione è il più comune problema di salute cronico che richiede prestazioni di assistenza sanitaria negli Stati Uniti d'America.

L' American Heart Association ha stimato, neli costi diretti e indiretti potenza e ipertensione 1 in 76,6 miliardi di dollari. I pazienti, talvolta, sono restii ad aderire ai programmi medici e apportare le modifiche al proprio stile di vita. L'ipertensione arteriosa primaria, non causata da altre malattie renali, endocrine, neurologiche rappresenta uno dei principali fattori di potenza e ipertensione 1 di malattia cardiovascolare che a sua volta costituisce la causa principale di morbidità e mortalità nel potenza e ipertensione 1 adulto [79].

È importante potenza e ipertensione 1 mantenere monitorata la pressione arteriosa con controlli la cui frequenza dipende dalle condizioni individuali per evidenziare precocemente un eventuale aumento dei valori pressori [79]. Nei pazienti con pressione normale-elevata e nei pazienti con ipertensione l'adozione di un adeguato stile di vita permette di mantenere sotto controllo la pressione arteriosa e di ridurre il consumo di farmaci antipertensivi nei pazienti ipertesi già in terapia farmacologica [79].

I fattori ambientali su cui è possibile intervenire per ridurre il rischio di ipertensione comprendono: fumo, peso corporeo, alimentazione ridotto apporto di sale e aumento del consumo di frutta e verduraconsumo di bevande alcoliche e attività fisica [79].

Il fumo ha un effetto sulla pressione arteriosa transitorio, in quanto aumento i valori pressori e la frequenza cardiaca nel periodo immediatamente successivo al consumo di una sigaretta, ma non sembra comportare un aumento significativo dei valori basali nel tempo.

Studi epidemiologici hanno infatti evidenziato valori di pressione arteriosa sovrapponili fra potenza e ipertensione 1 e non fumatori [80]potenza e ipertensione 1 se studi che hanno preso in considerazione il monitoraggio dinamico della pressione arteriosahanno evidenziato valori di pressioni arteriosa diurna più elevati nei fumatori e una tendenza nel tempo ad avere una pressione sistolica più alta rispetto ai non fumatori [81] [82].

La pressione arteriosa è influenzata dal peso corporeo. È stato infatti osservato come l'aumento del peso comporti un incremento dei valori pressori e viceversa, la riduzione del peso ha impattato positivamente anche sulla pressione arteriosa plasmatica, indipendentemente dai valori basali effetto sovrapponibile fra pazienti ipertesi e normotesi [83]. È pertanto importante mantenere sotto controllo il peso corporeo, quanto più possibile vicino al valore ottimale [79].

Da un punto di vista alimentare alcuni accorgimenti possono influenzare in senso positivo i valori pressori. Poiché diversi studi clinici hanno evidenziato come un basso consumo di sale da cucina sia in grado di ridurre la pressione arteriosa e la prevalenza dell'ipertensione, le linee guida internazionali raccomandano di adottare una dieta a basso contenuto di sale da cucina, evitando di aggiungere sale ai cibi, di consumare cibi salati o cibi ricchi di sodio potenza e ipertensione 1 poveri di potassio [84].

Anche un elevato consumo di frutta e verdura, di cibi ad elevato contenuto in potassio e un basso introito di grassi sono stati associati ad potenza e ipertensione 1 abbassamento dei valori di pressione arteriosa. I pazienti ipertesi dovrebbero consumare porzioni di frutta e verdura, più pesce, meno grassi saturi e meno cibi ad elevato contenuto in colesterolo [86] [87] [88].

Le linee guida europee potenza e ipertensione 1 il trattamento dell'ipertensione arteriosa raccomandano nei pazienti con ipertensione di non consumare più di g di alcool etanolo per l'uomo e potenza e ipertensione 1 g potenza e ipertensione 1 alcol etanolo per la donna [88].