Guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto

MIA MADRE MI BECCA A LETTO CON UNA RAGAZZA!! *HOT PRANK*

Sesso anale con le ragazze

Mi chiamo Maria, ho 38 anni, sono sposata e ho un figlio, un bel ragazzo di 18 anni, atletico e costantemente eccitato. Ieri ero collegata a Internet e ho scaricato un po' di racconti erotici sul tema dell'incesto, li ho cominciati a leggere, indossavo un leggero copricostume molto scosciato, e con niente sotto.

Ma alla fine anche questo era troppo, me lo sono tolto e ho cominciato a toccarmi con rabbia, gustandomi ogni riga. Quando ho finito di leggere, mi sono lasciata andare completamente, ho buttato la testa all'indietro sulla sedia, ho divaricato per bene le cosce e ho cominciato a toccarmi come si deve, ho fatto scorrere il mio dito medio inumidito con la mia saliva sul solco delle mie grandi labbra, poi mi sono fermata a giocherellare col mio clitoride eretto come un piccolo Non ci vedevo più dal piacere, mi sono infilata nella passerina tre dita e ho cominciato a fottermi selvaggiamente.

Avevo gli occhi chiusi e immaginavo guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto al posto delle dita dentro avessi un grosso Non mi importava di chi fosse questo Non appena mi sono immaginata il mio Marco tutto eccitato e pronto a fottersi la mamma, mi sono bagnata ancor di più e con un fremito che mi ha scosso tutta la schiena sono venuta riversando tutti i miei umori sulla sedia.

Ero spossata, sono andata a farmi una doccia per calmarmi. In bagno noi non abbiamo il guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto doccia, ma la facciamo, con una prolunga del rubinetto dentro la vasca. Mi sono spruzzata l'acqua addosso, e poi, visto che col caldo, c'è un po' di carenza d'acqua l'ho spenta mentre mi insaponavo. Ovviante ci ho messo molto più tempo del necessario, visto che avevo guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto il tuo racconto fresco nella mente, e mentre mi insaponavo tra le cosce ho ripreso a toccarmi, cercando d'immaginarmi al posto della spugna la lingua di Marco sta di fatto che improvvisamente si spalanca la porta e entra in bagno mio figlio, non aveva sentito l'acqua e credeva che non ci fosse nessuno in casa Mi trova con la schiena poggiata alla parete con tute e due le mani infilate fra le gambe "Oh scu, scusa mamma, non credevo, che eri le Mi sentivo tutto il mio piacere scivolarmi lungo le gambe come piccoli ruscelli.

Impossibile che Marco non se ne sia accorto. A quel punto io avrei voluto farlo rimanere li in bagno ad aiutarmi a risciacquare, ero eccitatissima, volevo un Non mi resta che sciacquarmi da sola e indossare l'accappatoio ed uscire. Marco è in cucina a bere con un suo amico. E la prima e unica cosa che m'è venuta da pensare è stata "Due Potevo avere due Mi sono seduta sulla sedia di fronte a loro.

Non c'è bisogno di dire come mi sono seduta vero? Ho tentato praticamente di spogliarmi sotto i loro occhi, ma facendo in modo che tutte le mie nudità sbucassero alla loro vista per caso, con piacevole involontarietà.

Io mi scusavo e le ricoprivo, ma mentre facevo questo facevo intravedere una tetta, un pezzo di coscia di più. Mi alzo e vado a cercare qualcosa in un pensile sopra il lavandino.

Mi metto in punta di piedi e mi tendo per quanto m'è possibile, il mio corto accappatoio risale quanto basta mostrando quasi l'inizio delle natiche. Sentivo i loro occhi fissarmi scivolarmi lungo le gambe. Non mi stavano spogliando con gli occhi, no, loro mi stavano letteralmente leccando, potevo sentire la punta ruvida delle loro lingue impertinenti risalirmi dai polpacci fino al mio caldo interno coscia.

Non posso caro, devo andare a fare la ceretta," "Ma non ne ha mica bisogno" sbotta Luca in un guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto di coraggio Sono lusingata ed eccitatissima L'amico di mio figlio mi stava davvero guardando le gambe "Non direi, e poi tu come lo sai? Luca diventa rosso come un peperone. Marco non sa cosa dire o fare "No Alzo una gamba e appoggio il piede sulla sedia davanti a loro "Forza guardate qui, sembro king kong.

Comincio a muoverla e mi piace, oh come mi piace In effetti hanno ragione loro, non ho peli, la ceretta me l'ero fatta da pochissimo. Vedo nettamente il Sono sola con mio figlio, e lui mi sta accarezzando le gambe stupendo, mi sento di nuovo tutta eccitata. Pensi ancora che debba rinunciare alla ceretta? Hai delle gambe stupende. Mi piacciono". Mio figlio ha appena detto che gli piacciono le mie gambe, e l'ha detto con la faccia e il tono con cui lo direbbe ad una sua amichetta che vorrebbe portarsi a letto.

Sto per fare un nuovo passo avanti ma suona il telefono. Marco respira, e si fionda a rispondere. C'è un altro suo amico, Pazienza, mi dirigo in bagno a vedere come sta Luca. Mi accovaccio davanti alla porta e guardo attraverso il buco della serratura.

Cosa mai poteva fare? Era li davanti allo specchio completamente nudo, i vestiti buttati in un angolo, col suo pisello lungo e duro avvolto in un paio di mie mutandine rosa in pizzo che si menava il A giudicare dal furioso ritmo con cui si smanetta la fava non credo possa durare ancora per molto, cosi mi godo lo spettacolo.

Io vado a vestirmi" "Va bneneehh" Io vado a vestirmi. Con un abitino scollato e molto provocante torno in cucina dai due ragazzi. Ti avevo detto che stasera uscivo a mangiare" "Anche tu Luca? Avrà un'erezione permanente per tutta la notte.

I due escono e io rimango ancora con la mia voglia di Verso le due di notte sento rientrare Marco in casa. Io non riuscivo a dormire, avevo fatto l'amore con mio marito, ma non c'è stato nulla di eccezionale, anzi. Mi ha fatto veramente incazzare la sua prestazione, si vedeva lontano un miglio che ero eccitata come non mai, vogliosa di sperimentare nuove cose, di esser chiavata come mai prima avevo fatto, e lui? Lui mi fa mettere a pancia in su e mi si piazza sopra ansimando come se mi stesse fottendo da tre ore, e dopo 10 minuti scende dicendomi di quanto sono stata Ma sentire Marco che rientra mi mette di buon umore, cominciano a tornarmi certi pensieri in testa e riprendo a masturbarmi sotto le lenzuola.

Lascio volutamente il lavoretto a metà. Sono piena di eccitazione, in questo stato niente rappresenta più un tabù per nessuna persona. Mi alzo e vado a spiare Marco che dorme in camera sua. Ma sorpresa, il mio piccolo bambino non sta affatto dormendo. La porta è socchiusa, e la stanza illuminata da una debole luce. Quella della televisione, Mi accosto e lo vedo nudo sul letto col Nonostante tutta la mi spavalderia di poco prima e di oggi pomeriggio, Guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto sento bloccata e imbarazzata.

Pomeriggio con Luca era diverso, potevo sempre dire che stavo giocando con loro, e in effetti a ripensarci non credo che abbia avuto serie intenzioni di fare chissà che. Ma se fossi guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto li adesso, non ci sarebbero più state barriere, ero entrata per lui. Per il suo Avevo quasi guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto di andarmene guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto sento Marco dire una cosa che mi blocca e mi fa tramare tutta per il piacere.

Alla tele ora, la protagonista, un bionda come me con un discreto paio di tette non per falsa modestia, ma le mie sono molto più belle è in un box doccia intenta a masturbarsi. E fin qui niente di che, ma sento dire a mio figlio: "Ohh, bello sembra la mamma oggi pomeriggio quella" E prenda a segarsi con un ritmo più sostenuto finché non cambia la scena Basta ho deciso, il ditalino guardare la mamma e figlio sesso in camera da letto non ho terminato ha preso la decisone, devo entrare.

Spalanco la porta e entro in camera come se nulla fosse. Non stai bene? Io innocentemente faccio scorrere lo sguardo prima dal video, poi su di lui, e infine sul suo Anche tuo padre se ne faceva una cifra da ragazzo. Certo lui non aveva e non ha un attrezzo del genere.

Dovrei impedirti di toccarti. E' un delitto sprecare un cosi bel bastone solo per delle seghe" "Non è poi cosi grosso mamma" Marco, sta facendo di tutto per coprirsi, ma è nudo, non ha il pigiama a portata di mano le lenzuola sono per terra.

Io sorrido e continuo a fissargli il Voglio portare a termine il mio ditalino, voglio godere, e lo voglio fare con mio figlio. Guarda che ti ho fatto io, te l'ho gir visto il tuo pisellino" A questo punto sono sicura che Marco si sarebbe aspettato che io me ne andassi dalla stanza, ma questa non era affatto mia intenzione, mi avvicino sempre più a lui e mi stendo al suo fianco sul letto è uno di quei letti ad una piazza e mezza, quindi ci stiamo su abbastanza comodi in due "Mamma cosa fai?

Che cos'è? Sono imbarazzatissimo, mi vergogno, mi hai scoperto a masturbarmi e Ti ho già detto che non ti devi vergognare. E poi scusa, non mi hai forse visto anche tu pomeriggio in doccia che mi stavo toccando la passerina? Non ci credo, davvero no" "Si, mamma l'ho capito. Ti ho visto che ti toccavi, ma io poi me ne sono andato" "Non te l'ho mica detto io. Per me potevi anche rimanere" Mi sistemo meglio, e comincio a sfregare la mia coscia contro quella di Marco.

E' immobile, io invece guardando il filmriprendo a toccarmi da sopra le mutandine lanciando qualche occhiata vogliosa di tanto in tanto al mio bambino. Non ti piace il film?

L'hai scelto tu? Forza continua a toccarti, se no ti esplode il pisello" "E se entra papa'? Oh non ti preoccupare, è esausto, abbiamo scopato, e adesso non lo sveglierebbe nemmeno un terremoto" "Avet Scopa bene il papà mamma? Ti chiava come vorresti? Avvolge la mano a pugno sul suo bastone cominciando a muoverla su e giù molto piano Sul video c'è ancora la tipa che si masturba sotto la doccia "Guarda" dico io "non ti ricorda qualcosa?

Marco ha ripreso muovere mano ad alta velocità. Da piccolo quando ti allattavo, eri felicissimo quando ci restavi attaccato" "davvero? Non me lo ricordo. Se vuoi una prova, se vuoi, puoi provare adesso" "A