Muco bianco dallutero dopo il sesso

La reazione umana dopo il rapporto sessuale

Trio gif

Avviso: il presente materiale prodotto sulla base delle dispense degli studenti, muco bianco dallutero dopo il sesso cui non si pu considerare muco bianco dallutero dopo il sesso di pi che un ausilio paziale allo studio, in nessun caso sostitutivo delle lezioni e del libro di testo.

Si invita a segnalare errori e inesattezze ai riferimenti email sopra citati. Hackmed non in nessun caso responsabile delle conseguenze di qualsiasi utilizzo venga fatto del presente file da parte di chiunque. Migrazione Processo che inizia gi allinterno dellapparato genitale maschile: gli spermatozoi infatti portandosi dai tubuli seminiferi ai dotti efferenti e poi allepididimo dove sono depositati, acquistano la motilit necessaria per risalire dalla vagina al terzo esterno delle tube dove normalmente avviene la fecondazione.

Inoltre labbondante secreto delle vescicole seminali e della prostata fornisce agli spermatozoi un rivestimento proteico che importante per la tolleranza immunologica femminile nei confronti degli Ag spermatici. Dopo leiaculazione il liquido seminale ml coagula nellambiente vaginale acido e quindi ostile ; il coagulo si liquef dopo ad opera degli enzimi prostatici, mentre il plasma seminale, il muco cervicale e le secrezioni vaginali formano un efficace sistema tampone contro lacidit della vagina che tende a immobilizzare gli spermatozoi muco bianco dallutero dopo il sesso ad abbreviarne la vita.

A livello della giunzione utero-tubarica vi unaltra barriera meccanica che determina unulteriore selezione quantitativa, per impedire che un eccessivo numero di spermatozoi raggiunga luovo.

Superata la barriera, la progressione verso il terzo esterno favorita dalle correnti sierose endoluminali e dai movimenti anti peristaltici delle tube. Dopo tutti ostacoli, dei milioni di spermatozoi rimangono solo valorosi. Alcuni di essi, non contenti di essere arrivati cos lontano, non essendo trattenuti dalle tube passano in cavit peritoneale. Capacitazione Il passaggio attraverso il muco cervicale rimuove lo sperm coat il rivestimento proteico ed responsabile della capacitazione, un fenomeno che consiste nell della fluidit e della permeabilit della membrana, che permette lavvenire della reazione acrosomale e inoltre conferisce allo spermatozoo maggiore mobilit che permette il muco bianco dallutero dopo il sesso attraverso la zona pellucida.

E promossa da enzimi del plasma seminale e da glicosaminoglicani del liquido follicolare. Captazione dellovocita Come lo spermatozoo anche lovocita nel passaggio attraverso le tube subisce un processo di maturazione che ne permette il riconoscimento e la penetrazione da parte del gamete maschile e la formazione dei pronuclei maschili e femminili. Fecondazione Il cumulo ooforo insieme di cellule che circondano lovulo liberano sostanze che stimolano la reazione acrosomale.

Gli spermatozoi che riescono a superare il complesso cumulo ooforo corona radiata sono avvantaggiati nella capacit di superare la zona pellucida, non avendo sprecato gli enzimi acrosomali. La zona pellucida viene attraversata in obliquo in un tempo di dallo spermatozoo, che si lega agli appositi recettori attraverso la parete posteriore della membrana acrosomale. La barriera viene superata grazie allacrosina e al vigoroso movimento dei flagelli. Dopo aver attraversato lo spazio perivitellino si stabilisce un contatto diretto tra la testa del nemasperma e la membrana plasmatica muco bianco dallutero dopo il sesso, che emette estrflessioni che si fondono con la membrana acrosomale interna.

Alla fusione fa seguito unonda di depolarizzazione della membrana eritrocitaria che la rende refrattaria allingresso di altri spermatozoi blocco rapido della polispermia. Il blocco lento della polispermia determinato invece dal rilascio nello spazio perivitellino di granuli corticali contenenti enzimi che idrolizzano i recettori ZP3. Dopo lingresso lo spermatozoo viene lisato con esposizione del pronucleo maschile, la cui cromatina si decondensa. Nel frattempo riprende la seconda divisione meiotica dellovocita, con estrusione del secondo globulo polare e si organizza il pronucleo femminile, che si fonde con quello maschile grazie allazione dei microtubuli.

Si forma cos lo zigote. Dopodich iniziano le prime divisioni mitotiche, indicate muco bianco dallutero dopo il sesso termine di clivaggio dellembrione, che producono numerosi blastomeri.

Inizia quindi la migrazione verso lutero, sostenuta da movimenti peristaltici della tuba e dalla corrente del fluido tubarico; durante la migrazione che impiega circa h, continuano le mitosi, che portano alla formazione della morula 16 cellule e della blastocisti cellule. Si forma anche la cavit blastocelica con allinterno un cumulo di cellule che costituisce labbozzo dellembrione vero e proprio.

La blastocisti fluttua libera in cavit uterina per gg prima di impiantarsi. La morula scende lungo la tuba: la velocit muco bianco dallutero dopo il sesso progressione regolata dalla contrattilit della tuba, dalla corrente di fluido tubarico e dalla contrazione di due sfinteri intramurale e della giunzione istmo-ampollare che regolano il momento di ingresso in utero. La morula entra nella cavit uterina nel giorno dalla fecondazione e per 2 giorni vi fluttua libera, mentre le secrezioni delle ghiandole endometrali dissolvono la membrana pellucida.

Intanto allinterno della blastocisti compare una cavit blastocelica con allinterno il pre-embrione, mentre le cellule esterne formeranno il trofoblasto, che si differenzia in cito-t. Esso produce steroidi e proteine con funzione ormonale, come la gonadotropina corionica h.

Lannidamento il processo con cui la blastocisti attraverso il trofoblasto aderisce alla parete uterina e vi penetra in profondit fino a raggiungere lapparato circolatorio materno. In pi della met dei casi lannidamento avviene sulla parete posteriore dellutero. Perch lannidamento possa avvenire necessario che siano trascorsi almeno gg dallingresso della blastocisti nellutero, che gli enzmi del liquido uterino abbiano dissolto la membrana pellucida muco bianco dallutero dopo il sesso che lendometrio sia in fase secretiva.

Dopo aver aderito alle cellule epiteliali il trofoblasto muco bianco dallutero dopo il sesso enzimi che digeriscono la matrice intercellulare che tiene unite le cellule della supericie endometrale. La blastocisti si impiante sempre con il polo embrionale, cio il punto in cui lembrioblasto aderisce al trofoblasto: per cui la cavit amniotica primitiva sar sempre orientata verso lendometrio. Allinvasione trofoblastica si oppone la reazione deciduale: a partire dalla sede dimpianto per poi estendersi a tutto lutero, lendometrio diventa decidua per tutto il resto della gravidanza.

I fibroblasti dello stroma endometrale proliferano e si riempioni di vacuoli di glicogeno. Il trofoblasto produce anche h. Limpossibilit dellannidamento molto frequente per embrioni portatori di gravi anomalie genetiche e ci rappresenta un meccanismo di selezione naturale.

Nelle procedure in vitro muco bianco dallutero dopo il sesso un valido filtro per la selezione di nemaspermi anomali, che in vivo data dak muco cervicale. Il periodo pre-embrionario Dopo lannidamento le cellule del pre-embrione si differenziano in uno strato adiacente al trofoblasto epiblasto e in uno sottostante ipoblasto. Lepiblasto forma un disco che nella parte centrale d origine allembrione e in quella periferica al mesoderma extra-embrionario, che tappezza la superficie interna del citotrofoblasto formando il corion.

Muco bianco dallutero dopo il sesso dellepiblasto si forma la primitiva cavit amniotica, mentre parallelamente, dal versante opposto rispetto al disco embrionario si forma il sacco vitellino. Il terzo foglietto embrionario, il mesoderma, si forma proliferazione e riarrangiamento dellepiblasto. Il mesoderma centralmente forma un cordone longitudinale, detto notocorda, che dar origine alla colonna vertebrale.

In due piccole zone circolari, una craniale e una caudale, il mesoderma non si forma: tali zone daranno origine al bocca e ano rispettivamente. Il periodo embrionario e lorganogenesi Mentre continua a crescere, flettendosi per adeguarsi alla forma della cavit, inizia lorganogenesi: il primo a svilupparsi solo 18 gg dopo la fecondazione in ordine di tempo il sistema nervoso, che anche lultimo apparato a completare lo sviluppo dopo la muco bianco dallutero dopo il sesso.

Il Sistema Nervoso deriva da unarea di cellule neuroectodermiche che proliferano lateralmente e formano prima una fossetta che poi viene chiusa da due pliche longitudinali, formando il tubo neurale.

La fusione inizia al 25 giorno e si completa al 27, procedendo in senso craniocaudale. La parte craniale del tubo neurale si accresce notevolmente e si segmenta in tre parti, rombencefalo, metencefalo e prosencefalo; muco bianco dallutero dopo il sesso a a sua volta si divide in telencefalo e diencefalo.

Il rombencefalo invece si divide in metencefalo ponte, cervelletto e IV ventricolo e mielencefalo. Nella morfogenesi del SNC ha grande importanza la pressione liquorale che si determina allinterno del tubo neurale.

Lapparato cardiovascolare si origina dal mesoderma extra-embrionario; i vasi si formano per la differenziazione di cordoni di cellule emocitoangioblastiche: quelle in periferia diventano cellule endoteliali, quelle al centro cellule del sangue. I vasi formano una rete anastomizzandosi e si dirigono da una parte verso il trofoblasto dove formeranno i capillari dei villi coriali e dallaltra parte allembrione. Nellembrione si formano 2 cordoni longitudinali paramediani che poi si uniscono formano laorta e il tubo cardiaco primitivo, che si ripiega su s stesso formando le camere cardiache.

Il cuore il primo organo che inizia a funzionare: il primitivo tubo cardiaco infatti cominica a pulsare dopo soli 22 giorni dalla fecondazione, sotto lo stimolo della pressione del sangue formatosi allinterno del tubo vasale. A partire dalla 6 settimana pu essere registrata con una sonda transvaginale.

La frequenza di circa bpm e fino a un massimo di alla 10 settimana, poi si assesta intorno a bpm. Il sangue refluo dalla parte superiore del feto passa invece dalla cava superiore allatrio DX e poi al VDX, senza che la corrente intralci quella del sangue refluo dalla cava inferiore.

Dopo il parto si instaurano le seguenti modificazioni: o chiusura del forame ovale immediata, per di pressione nellatrio SX che schiaccia un lembo presente nel versante atriale contro il forame stesso o chiusura del dotto di Aranzio o chiusura del foro di Botallo.

I tessuti di origine mesodermica ossa, muscoli, cartilagine, connettivo originano dai somiti, una serie di 44 paia di ispessimenti del mesoderma embrionario che compaiono alla terza settimana dalla fecondazione.

La parte centrale dei somiti il miotomo, le altre 2 porzioni sono il dermatomo e lo sclerotomo. Questultimo d origine muco bianco dallutero dopo il sesso cartilagine e allosso.

Lendoderma embrionario inizialmente comunica con quello del sacco vitellino: con la regressione di questa struttura e con il ripiegamento del foglietto embrionario si forma una struttura tubulare muco bianco dallutero dopo il sesso lintestino primitivo. Da unestroflessione ventrale allaltezza dellesofago primitivo si forma il tubo laringo-tracheale, che si ramifica nei vari ordini di bronchi fino a formare i 2 polmoni: lepitelio delle vie aeree pertanto di origine endodermica.

Analoghe estrflessioni formatesi pi in basso danno origine a fegato e pancreas. Lateralmente ai somiti vi il mesoderma non segmentato: muco bianco dallutero dopo il sesso esso si formano due cordoni muco bianco dallutero dopo il sesso che danno origine in senso craniocaudale al pronefro, mesonefro e metanefro. Il pronefro muco bianco dallutero dopo il sesso retaggio embriologico ancestrale e regredisce prontamente; dal mesonefro invece si originano i dotti di Wolff, che nel maschio danno origine allepididimo e al dotto deferente.

Dal metanefro invece derivano il rene e le vie escretrici: il dotto metanefrico, che d origine alle vie escretrici si connette con il primitivo seno urogenitale vescica e uretra in basso e con il blastema metanefrico muco bianco dallutero dopo il sesso renale in alto.

Riassumendo, si possono individuare 3 stadi: 1. Si completa la differenziazione dei tessuti, comincia lemaopoiesi epato-splenica e si evolve il metabolismo del feto. Allinterno del sincizio si formano lacune separate da trabecole e anche il citotrofoblasto raggiunge attraverso queste trabecole la decidua, formando i villi di ancoraggio. Dai villi di ancoraggio spuntano poi arborescenze che si ramificano, formando i villi primari, separati dallo spazio intervilloso.

Un insieme di ramificazioni villose che deriva da un unico villo di primo ordine detto cotiledone fetale in una placenta a terminementre i setti placentari intervillosi, a partenza dalla decidua compatta, individuano dei compartimenti muco bianco dallutero dopo il sesso cotiledoni materni, nella placenta a termine che includono diversi cotiledoni fetali.

Dopo circa 2 settimane dal concepimento il sinciziotrofoblasto comincia a erodere i vasi mettendoli cos in comunicazione con lo spazio intervilloso. Sulla superficie interna del trofoblasto quella rivolta verso lembrione si muco bianco dallutero dopo il sesso il mesoderma, formando cos il corion. Intorno al XX giorno dal concepimento allinterno di alcuni villi si formano i primi capillari fetali: i villi con componente vascolare si chiamano villi terziari.

La rete di capillari coriali si connette attraverso il sacco vitellino, formando la circolazione feto-placentare. Essa adiacente ma non unita a quella materna, essendo esse separate dal trofoblasto, stroma ed endotelio dei capillari fetali. In una placenta matura la parte basale, intermedia e terminale sono equirappresentate. Negli spazi intervillosi sbocca direttamente unarteriola spirale, che spruzza sangue che ricade a pioggia lungo la parte terminale del villo, con lo stesso senso di scorrimento del sangue fetale, cos che vengono facilitati gli scambi.

Il sangue viene poi raccolto da vene alla periferia dellarteriola spirale; in una placenta e termine sboccano circa arteriole spirali e si dipartono vene. A partire dal II mese di gravidanza la parete dei vasi materni presenta fenomeni regressivi a partenza endoteliale: il trofoblasto si sostituisce allendotelio e alla tonaca muscolare rendendo i vasi dilatati e anelastici: se manca questo processo si creano i presupposti per linstaurarsi di un difetto di crescita fetale e della pre-eclampsia.

Il passaggio di sostanze attraverso la placenta avviene in base alle leggi chimiche della diffusione semplice: partecipa solo la quota non legata alle plasmaproteine, ovviamente. A parit di altre condizioni la diffusione direttamente proporzionale alla liposolubilit e inversamente proporzionale al PM e al grado di ionizzazione.

Per quanto riguarda le cellule, gli eritrociti possono essere trasferiti nei due sensi soprattutto durante il travaglio ma non solo e questo alla base dellalloimmunizzazione materna e del trasferimento di Ab al feto solo IgG!! Anche leucociti e piastrine possono passare e scatenare una risposta immune e perfino cellule di melanoma. Tra i microorganismi patogeni passano muco bianco dallutero dopo il sesso placenta il T.

Le tossine batteriche invece non passano. Controllo endocrino delle fasi iniziali della gravidanza LHCG promuove la trasformazione del corpo luteo mestruale in corpo luteo gravidico, necessario per il mantenimento della gravidanza entro e non oltre la 7 settimana, anche se permane e secerne estrogeni e progesterone in piccola quantit fino al termine della gravidanza. Il progesterone necessario per mantenere il miometrio in uno stato di quiescienza e atonia e per inibire la risposta T-cellulare che porterebbe al rigetto del prodotto di concepimento.

Lestriolo, sintetizzazato a partire da precursori prodotti dal fegato e dai surreni fetali, e mantiene il flusso utero-placentare. Luso del dosaggio dellestriolo quale indice di benessere fetale stato abbandonato, vista lalta variabilit individuale. LHCG prodotta dal trofoblasto molto precocemente, ancor prima dellimpianto e viene usata come test standard di gravidanza fin dallepoca della sua scoperta dellormonema anche nel monitoraggio di varie condizioni patologiche minaccia daborto, gravidanza ectopica, neoplasie trofoblastiche gestazionali e non, alcune neoplasie ovariche ecc.

LhPL ormone lattogeno placentaresintetizzato dal sinciziotrofoblasto ha propriet biologiche simili a quelle dellormone della crescita e della prolatina ipofisaria. Altri ormoni meno importanti sono la tireotropina corionica analogo del TSHla corticotropina analogo dellACTH e dei releasing hormones analoghi a quelli ipotalamici.

L-fetoproteina invece prodotta dal fegato fetale e dal sacco vitellino: muco bianco dallutero dopo il sesso la sua analogia con lalbumina potrebbe svolgere la funzione di vettore di ormoni steroidei nel sangue fetale. Valori elevati si riscontrano in questi casi: difetti di chiusura del tubo neurale elevata concentrazione dell-fetoproteina nel SNC ostruzioni intestinali onfalocele nefrosi congenita gravidanze plurigemellari bassi livelli si riscontrano invece nella trisomia basandosi su questa evidenza, -fetoproteina, hCG ed estradiolo sono utilizzati per lo screening di aneuploidie fetali, tra la 16 e la 18 settimana di gestazione.