Sex in the sorella doccia con il fratello

"CHIEDO UN POMPINO A MIA CUGINA...!!" - Insegreto ep.11

Incontri per adulti senza ricetta a Ekaterinburg

Siamo originari della Puglia, i nostri genitori si trasferirono in Australia prima della nostra nascita, per cui noi Sex in the sorella doccia con il fratello abbiamo doppia cittadinanza. Eravamo già grandi quando in un incidente, i nostri persero Sex in the sorella doccia con il fratello vita. Siamo entrambi scapoli e pur avendo avuto le nostre esperienze, in questo periodo siamo soli.

Mia sorella mi ha sempre attratto, mi sono fatto molte pugnette, seghe pensando a lei. E bona, una gran fica, forse non devo dirlo, ma resta il fatto che è la verità. Si vede il gonfiore del tuo arnese. Cosa Sex in the sorella doccia con il fratello che sia fatto di ferro? Magari penserai di fottere me, sii sincero, ammettilo che ti fai le seghe pensando a me.

Sei cosi timido che non hai il coraggio di chiedermi di scopare. Non sono timido, è che sei mia sorella, mi fai arrapare guardandoti, sei sempre mezza nuda ma di là a scoparti ce ne vuole. O sei bigotto? Sai quanti rapporti incestuosi ci sono in giro per il mondo? E poi non dire stronzate, ho controllato la cronologia del pc e vai spesso su siti italiani di racconti incesti realiperché ci vai? Di sicuro vuoi sincerarti se lo fanno anche altri, è vero o no?

Nega se ne hai il coraggio. Esco, ci vediamo. Vai a scopati la prima puttana che incontri. Uscii dalla stanza sbattendo la porta, non capivo o non volevo capire, anche lei voleva la stessa cosa? Cioè scopare? Adesso che siamo soli, si fa sempre più difficile stargli lontano, non aveva sbagliato dicendo che io la desideravo, Sex in the sorella doccia con il fratello il buon senso mi bloccava ma non so fino a quando avrei potuto resistere.

Dove andiamo? Dopo aver mangiato andammo in discoteca, era piccola ma era la più vicina a casa, dopo alcuni balli, suonarono un lento, lei mise le mani dietro al mio collo e si strinse a me. Hai intenzione di farmi godere nei pantaloni? Sai che bella figura ci facciamo. Vuoi capire chi siamo? Durante il tragitto restammo in silenzio e per tre giorni non ci parlavamo. Mi dici che senso ha? Che vacanza sarebbe? Ma tu lo vuoi capire, chi siamo?

Cosa credi che non mi faccia male questo atteggiamento? Solo Dio sa quanto vorrei prenderti tra le braccia, quanto desidero baciarti e dirti ti amo. Vorrei portarti a letto tenerti nuda, baciarti e leccarti in ogni parte del corpo ma non possiamo capisci? Partiamo e sarà un bella vacanza. Ti chiedo solo un bacio! Dai non è nulla non andiamo oltre, se accetti davvero saremo felici dai nonni.

Accetta dai, un bacio cosa vuoi che sia, me lo dai? Era delusa ed io più di lei, non avevo avuto la forza di continuare, meglio non pensarci. Il viaggio fu lungo ma non parlammo di noi; al nostro arrivo cerano due nostri cugini, anche loro erano fratello e sorella.

Con il fuso orario e le ore di viaggio, eravamo distrutti, le nostre camere, erano al piano di sopra. Che ne pensi? Sono molto affettuosi, io non li capisco. Sei stanco? Che progetti hai per domani?

Ho pensato di fare un giro per la zona. Per me è stato bello, che dico, bellissimo. Hai paura che potremmo non fermarci e scopare? E quello che mi fa paura, baciarci toccarci si potrebbe, se non andiamo più in là. Non si discuteva, era sempre stata cosi, voleva vincere sempre. Adesso, dopo avermi fatto un pompino con ingoio dovevo pensare a lei. A domani amore, adesso che abbiamo rotto il ghiaccio troveremo il modo e me la leccherai per tutto il tempo che vorrai.

Ho notato che non toglievi gli occhi dalla cuginetta, ti piace vero stronzo mio? Adesso vai a dormire, qua in campagna si alzano presto. Dopo avermi messo a letto, pensai a quello che era successo, cercando una scusa per discolparmi. Mi dissi che era scritto, inevitabile, che doveva accadere, poi pensai a mia cugina Marisa. In lontananza vidi nonno che lavorava, andai da lui, dopo avergli dato il buongiorno, lui cercava di spiegarmi come si governavano gli animali, io che ero abituato a vivere in città, di animali non ne capivo un accidente.

Dopo Sex in the sorella doccia con il fratello avremmo pensato a cosa fare, arrivarono Marisa e Danilo con un auto. Giulia ed io ci guardammo, i vecchi ci guardavano con gli occhi pieni di speranza. Giulia, che ne pensi tu? Nel salire in auto, Marisa fece sedere Giulia davanti, io con lei dietro. Da quando ti ho conosciuto desidero che mi baci. Ridendo tornammo a riva, era sera quando ritornammo a casa dai nonni. I nostri cugini restarono per la cena, appena finito ci cambiammo e uscimmo di nuovo, ci portarono sul lungomare era bellissimo, Giulia, si era messa sotto il braccio di Danilo, e io con Marisa… — Dimmi, quel bacio per te cosa rappresenta, un desiderio o altro?

E per te? E lo stesso anche per me. Iniziammo a baciarci, le accarezzavo il culo, non potevamo di più ma ero contento lo stesso. Non sempre in Sex in the sorella doccia con il fratello incontro si deve per forza fare sesso, come era ovvio mi ero eccitato ed il cazzo pressava contro di lei. Ma tua sorella ti lascerà libero?

Restammo ancora un poco, baciandoci e scambiandoci carezze, io le tastavo il culo, lei mi accarezzava il cazzo da sopra i pantaloni. Ritornammo sul lungo mare, gli altri due ci attendevano al chiosco dei gelati e bibite, ci riportarono a casa, i nonni dormivano, salimmo al piano superiore in silenzio, Giulia mi disse: — Ti raggiungo tra poco!

Il pantaloncino della stessa stoffa era da sballo e non perché fosse mia sorella, pensai: fortunato chi se la Sex in the sorella doccia con il fratello, perché non io? In quel momento decisi che quella era la notte giusta, non volevo pensare più se fosse giusto o immorale, che accada quello che deve accadere. Non mi interessava più.

Sorridendo ci avvicinammo sino a toccarci, ruppi gli induci, la presi tra le braccia con la forza del possesso, era come dirle sei mia conducendo il gioco, le nostre bocche si cercarono, le nostre mani esploravano i nostri corpi a vicenda, ci aiutammo a restare nudi. Questa notte se tu lo vuoi e senza indugi, voglio e desidero scopare con te, leccare tutto il tuo corpo, lo vuoi? Siamo ancora in tempo per fermarci. E da tantissimo tempo che Sex in the sorella doccia con il fratello questo momento, non parlare Sex in the sorella doccia con il fratello, amami!

Chiavami, fammi gridare di piacere. Fai in modo che possa ricambiare il piacere che mi stai dando. Ti voglio chiavare. Chiavami baby!

Che bello sentire il tuo cazzo che mi trapana la fica… ti amo amore mio! Chiavami più svelto, fammi godere tanto. Dobbiamo farlo sempre! Aumentai il ritmo, dopo alcuni minuti mi fermai la feci mettere alla pecorina, è una posizione che mi piace molto, mi piace vedere il mio cazzo che entra ed esce dalla fica.

Iniziai a scoparla di brutto, le misi un dito nel culo. Ne misi due e le pompavo il culo, la chiavavo, ero al limite… — Sto per sborrarti in fica baby, che bello! Mi tolsi e mi distesi al suo fianco, ci scambiammo un bacio. Non ho mai goduto cosi tanto e tu che non volevi, adesso come hai promesso, scoperemo sempre e mi devi fare anche il culo amore mio.

Mentre lo facevamo ho pensato che saresti uscito dalla fica e mi inculavi. Che farete i nonni vogliono che restate qua. Tu hai deciso, qualcosa? Poi non lo so se Giulia voglia restare in Australia, oppure anche lei accetta. Iniziai ad essere stanco di stare seduto, essere sballottato da quella minuscola moto. Io sono povera. Se restate è tutto vostro, i proprietari sono i tuoi nonni, mi sono fatta dare le chiavi, entriamo.

Non risposi, la baciai sulla punta del naso. Desidero vederti nuda, di sicuro sei favolosa. La feci stendere sulla branda, la baciai tra i seni, erano piccoli ma sodi e duri come due bocce.

Succhiai i suoi capezzoli mentre lei mi accarezzava la testa.