Storie di sesso bus

La testimonianza shock di Adelina: rapita, stuprata e torturata - Storie italiane 25/05/2018

Macchina uomini porno

Racconti Etero 6, La mano sul culo mi è capitata spesso e storie di sesso bus a quanto dicono le santarelline che ci sono in giro, a me piace! Mi giro per essere sicura che non sia lo scherzo di un amico e sorrido al tizio dietro di me che fa finta di nulla! La mano dal culo passa al fianco, come per tenermi più vicina a lui!

Sento anche il suo pene che spinge sui miei jeans ed io maledico il fatto di non aver messo i leggins! Ci divertiamo per tutto il tragitto, ogni frenata del autobus equivale ad un suo affondo che mi godo compiaciuta!

Che posso farci se storie di sesso bus piace! Purtroppo tutte le cose belle finiscono e lui scende dal autobus qualche fermata prima della mia! Vabbé torno a casa con una voglia incredibile e spero di ribeccarlo il giorno dopo! La mattina successiva metto i leggins sottili sottili, sentirei anche una mosca se mi ci si appoggiasse sopra! Arriva la pausa pranzo, evviva! Prendo il autobus ed aspetto ansiosa che il mio amico, pervertito quanto me, faccia la storie di sesso bus comparsa.

Mi avvicino e faccio per passare dietro, la ragazza approfitta e fugge dalla stretta del porco! Mi ci metto io con fatica perchè anche oggi il autobus storie di sesso bus stracolmo! Dopo un paio di metri torna a sfiorarmi con la mano, forse non si ricorda di me e del giorno prima, sposto la mano e me la metto sul fianco, allora lui mi afferra con tutte e due e inizia a farmelo storie di sesso bus dietro! Benedetti legginsora si che mi diverto e anche lui!

Siamo in fondo al bus, alla nostra sinistra solo il finestrino, metto la mia borsa proprio davanti al mio pube e guido la sua mano sinistra fino al clitoridesperando che lui sappia che farci! Sento il suo respiro e mi piace! Siamo quasi alla sua fermata, si fa più audace e mi strizza il clitoride facendomi quasi gridare, poi lo lascia e si sposta dalla posizione da inculata!

Mi passa accanto e mi chiede: Ti trovo domani? La trovo e apporto una piccola modifica! Il mio cervello è gia in modalità zoccola! La mattina dopo passa veloce, puntuale mi presento alla fermata del bus! Stavolta non parte con la mano, mi poggia subito il cazzo dietro, storie di sesso bus sa cosa fare! Piace molto anche a me!

Le sue dita giocano col clitoridesi accorge che sono tutta bagnata e va storie di sesso bus giù, eccolo che mi infila un dito, poi due ed io gli chiedo il terzo e lui da bravo mi accontenta! Sono proprio stata fortunata! È fantastico, mi piace da morire! Ogni tanto riesce ad infilare la punta….

Mi dice: Continuiamo fino al capolinea o devi scendere prima? Io gli dico che possiam continuare e lui mi dice : Brava ragazza! Arriva la sua fermata, lui non scende e poco dopo il autobus comincia a svutoarsi, noi restiamo appiccicati, io ormai sono zuppa, qualcosa mi cola tra le gambe mentre le sue dita continuano a torturarmi di sotto! Restiamo solo noi ed un signore anziano poco più avanti!

Il mio amico ormai è dentro e comincia a scoparmi, io giardo il vecchio e mi aspetto che mi rimproveri, ma lui fa il cenno con la mano di uno che storie di sesso bus chiede: Ti sta scopando? Ancora un paio di colpi e vengo, subito dopo viene anche lui! Io lo ringrazio e lui mi dice che la prossima volta dovró ringraziarlo in un altro modo! Dopo la sosta di 15 minuti al capolinea il autobus riparte, non faccio più in tempo ad andare a casa per pranzo, storie di sesso bus al negozio a pensare a quello che abbiamo combinato!

Tags esibizionisti sesso sesso in pubblico trasgressioni. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Sito web. Da qualche mese ho un nuovo lavoro che mi consente di andare a casa per pranzo, ci torno in autobus, tra le varie persone che staccano per la pausa pranzo, i ragazzini che escono da scuola, ecc… è sempre pieno!

Vota questo racconto. Precedente Una gita in barca. Sucessivo Le due bigotte. Lascia un commento Annulla risposta Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.