Storie di sesso in acqua

Ultima Spiaggia - Last Chance (eng subtitle)

I film di sesso con la zia

La mia storia con Mattia era nata da poco, quasi per caso, in seguito ad una serata di festa e ad alcune amicizie in comune. Con Toni ci eravamo scambiati pochi parole, mentre in precedenza avevo sottovalutato un suo esplicito invito a bere qualcosa, finendo in seguito per conoscere il mio attuale compagno.

Stranamente invece si era innescato qualcosa in me durante una breve chiacchierata con Toni nel bel mezzo del party affollato. Improvvisamente mi ero storie di sesso in acqua a fissare il cavallo dei suoi jeans, immaginando una certa prestanza al suo interno, mentre il resto del suo corpo aveva inspirato in me voglie del tutto incontrollabili. Non avevo nemmeno dovuto fare troppa fatica per strappargli il numero di telefono, in tempo prima che Mattia tornasse da me con un cocktail tra le mani.

Il turno di Toni sarebbe terminato da li a poco e con abilità avevo deciso di inviargli un messaggio chiedendogli di incontrarci al termine degli scogli, a diversi metri di distanza in faccia al locale dove ci trovavamo. Toni indossava una semplice maglietta nera e un paio di jeans, ma la sua abbronzatura e le sue labbra carnose, storie di sesso in acqua ai capelli brizzolati e ancora folti, lo avevano fatto apparire ai miei occhi irresistibile.

Addosso potavo ancora un vestito particolarmente corto, per metà trasparente in vita, dalla scollatura generosa sulla quale i suoi occhi si erano soffermati per un istante, cercando successivamente di mantenere lo sguardo sui miei occhi.

Lo avevo lasciato parlare del storie di sesso in acqua e del meno ma soltanto per pochi minuti prima di compiere un primo passo deciso e sensuale. Indossavo un paio di slip neri e un reggiseno a fascia dello stesso colore oltre agli occhi di Toni fissi sul mio corpo. Toni non fece alcuna domanda su di me, sulle mie intenzioni, oppure sulla mia relazione con Storie di sesso in acqua. Quella notte avevo sentito il richiamo irrefrenabile della pelle e avrei esaudito storie di sesso in acqua suo desiderio oltre ai miei.

Tolta la maglietta avevo iniziato a mordermi le labbra come ero solita fare nei momenti di eccitazione. I suoi pettorali accennati e quel colore simile a bronzo mi avevano eccitata maggiormente rispetto a quanto in precedenza avevano fatto i corpi dei ragazzi della mia età.

Sfilati via anche i jeans Toni era rimasto in slip scuri e le dimensioni del suo membro in piena erezione non avevano potuto fare altro che storie di sesso in acqua le mie presupposizioni. Aveva della storie di sesso in acqua al di sotto quel tessuto di cotone, ma come in fase di esitazione avevo preferito attendere il suo avvicinamento, il lento mescolarsi del suo profumo e le sue labbra sul mio collo prima di poterlo finalmente baciare.

Un baci denso e carico di foga, di chi si era cercato nella storie di sesso in acqua a lungo e di chi avrebbe potuto non rivedersi più in seguito. Storie di sesso in acqua sfilato via i suoi slip e le sue mani grandi avevano fatto lo stesso con me prima di slacciare anche il nodo del mio reggiseno. Avevo tenuto quel vigore fra la mano destra, lasciandolo baciare i miei seni, entrambi incuranti di poter essere visti da pescatori in lontananza o da altre coppie in cerca di quiete.

Successivamente avevo lasciato che le sue dita stuzzicassero il clitoride, entrando e fuoriuscendo dalla mia vagina, per poi risalire con delicatezza al mio ano. Ad un certo punto avevo deciso di prenderlo per mano, non prima di storie di sesso in acqua dimenata in un pompino fugace, accentuando le sue voglie senza giungere a nessuna conclusione.

Insieme eravamo entrati in acqua, accaldati e rinfrescati al tempo stesso dalle temperature. Finalmente al riparo lo avevo spinto con la schiena alla muraglia di uno scoglio e avevo ripreso a baciarlo con passione mai emersa in me prima di quel momento. Avevo già sperimentato il sesso anale ed era stata proprio la mia mano ad assumere il controllo sul suo cazzo eretto per agevolare la strada della penetrazione.

I suoi movimenti iniziali si erano protratti in delicatezza, mentre il suo inguine mi aveva offerto una superficie contro la quale poter strusciare il mio clitoride. Nel pieno della penetrazione io stessa avevo assunto movimenti più decisi, senza mai perdere il sapore della sua bocca sulla mia. Non avevo mai provato una sensazione di appagamento e godimento sfrenato migliore in tutta la mia vita sessuale attiva.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione click, scroll, Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Accedi al tuo account. Recupero della password. La tua email. Forgot your password? Get help. Storie di Sesso.